tikka music

Clorosuvega – l’album di debutto dal 31 marzo 2017 da Raw Lines / New Model Label

sleeve

Concerto di presentazione 1 Aprile 2017 – Alchemica Music Club – Via Dei Lapidari 8/B in apertura The Human Tornado, Volemia e Dypron
Inizio 21.30 – ingresso libero con tessera AICS

Clorosuvega è la ricerca costante di un nuovo limite, di una frequenza dimenticata, di un suono atipico. La band nasce a Bologna nel 2012 come Atomic Blast e nel 2013 pubblica un EP, “Noise of Revolution” che riceve un’ottima accoglienza nella scena metal. Il gruppo, ai tempi giovanissimo, lo promuove con 60 live di supporto in Italia nei due anni successivi, e tra questi anche le aperture per Napalm Death (UK), Destruction (DE), Church of Misery (JAP), Tigertailz (UK), Sawyer Family (USA), Dreamshade (CH) e Destrage (ITA).
Nel corso del 2016 il suono dei Clorosuvega inizia a mutare: la band abbandona l’inglese per l’italiano, la musica diventa più sperimentale e alternativa. Il risultato è la realizzazione di un album, concepito come un movimento, un passo importante dall’adolescenza alla maturità, realizzato con la collaborazione di Larsen Premoli e del suo staff ai RecLab Studios di Milano.
Artwork e illustriazioni di Giulia “Pasa” Frascari. Foto di Sofia Benucci.

Tracklist: 1. Frattura / 2. Amnésia / 3. Rifiuto / 4. Bittersweet / 5. Del Mondo dei Vinti / 6. L’Importanza di Rimanere Lucidi / 7. Anna / 8. Solo un Commento / 9. Godot / 10. Caleidoscopio

Formazione: Francesco Vogli – voci / Simone Sangiorgi – chitarra / Daniele Lambertini – chitarra / Marco Sangiorgi – basso / Tobia Caradonna – batteria

Link: https://www.facebook.com/clorosuvega

www.newmodellabel.com

www.rawlinesmusic.com

Booking – Francesco – Tikka Music – www.tikkamusic.org

Stato Brado – Cosa adesso siamo – in CD e digitale dal 13 Gennaio 2017 – New Model Label

Concerto di presentazione :13 gennaio 2017 al Nuovo Teatro delle Commedie di Livorno

Da Livorno il nuovo album degli Stato Brado, formazione che unisce le sonorità della tradizione della canzone d’autore italiana con quelle americane del folk, del blues e del country.

È un mondo fatto di viaggiatori, impiegati, cowboys, motociclisti, femmes fatales e scommettitori che prendono voce e si mettono a nudo narrando il proprio vissuto. Le scelte fatte e quelle non fatte lasciano un segno indelebile e caratterizzante nel proprio e nell’altrui percorso. Gli Stato Brado si mescolano e si confondono nei protagonisti del disco, arrivando a chiedersi o forse ad affermare, in un coro unanime, “Cosa adesso siamo”.

Il disco è stato registrato, mixato e prodotto al 360 Music Factory Studio Recording da Andrea Pachetti e si avvale della partecipazione di: Dimitri Grechi Espinoza (Dinamitri Jazz Folklore), Marina Mulopulos (Tilak), Simone Padovani (Bobo Rondelli) e Paolo Pee Wee Durante (Tony Scott).

Discografia: “Lungo la strada” (2013 – autoprodotto) – “Vecchio diavolo” (EP – 2014 – autoprodotto) – Cosa Adesso Siamo (2017 – New Model Label)

Formazione: Moreno Guida – Voce, chitarra acustica, banjo tenore / Nedo Raglianti – basso elettrico e acustico, cori / Alessandro Guida – batteria, percussioni / Gianluca Lunardi – chitarre acustiche, elettriche , slide, cori – Dario Vannozzi – sax tenore, cori / Romano Palazzi – tromba / Giovanna Pieri Buti – violino

Link: www.statobrado.org

www.facebook.com/StatoBradoLivorno

www.newmodellabel.com

www.tikkamusic.org

img_9070_b

Volemia – Eh? – l’album da venerdì 9 dicembre in CD e digitale – New Model Label

Volemia – Eh? – il disco di esordio della band lombarda, tra sonorità heavy – psych – stoner – in CD e digitale da New Model Label / Tikka Music – dal 9 dicembre 2016

“L’ebbrezza del vuoto” – il primo video:  https://www.youtube.com/watch?v=XQl1Zh-wLvw

Una giovanissima band della provincia di Varese, insieme dal 2009, ovvero dall’età di 14 anni, ed ora dopo anni di prove, sperimentazioni, esperienze live, arriva il primo disco ufficiale, in cui emerge la passione per sonorità aggressive e rumorose, ispirate ai classici degli anni ’70 sia a sonorità anni ’90. Un suono heavy e psichedelico, con tonnellate di distorsione, riff serrati, sonorità vintage, come alcuni gruppi della scena di Seattle prima che la parola “grunge” diventasse di uso comune e che si perdesse qualcosa dell’energia e dello spirito originario. I brani di “Eh?” sono stati scritti in circa un anno, nati in sia in una jam come sia come contributo dei singoli membri, mentre gli arrangiamenti sono realizzati tutti in maniera collettiva. I testi sono volontariamente visionari, più descrittivi che narrativi, emozioni e sensazioni che si mischiano alla musica, lasciando spazio a diverse interpretazioni. Una particolare attenzione è dedicata agli arrangiamenti, dove al tradizionale impianto rock ispirato la band ha aggiunto synth, djambé e altri strumenti di accompagnamento. “Eh?” è stato  suonato tutto in presa diretta per mantenere l’energia e lo spirito live della band e registrato nello studio “La Sauna” di Varese, con mix di Andrea Cajelli e mastering di Andrea De Bernardi presso Eleven Mastering.

Formazione: Michele Quaranta: voce, basso / Lorenzo Amadori: batteria, synth / Claudio Corradi: chitarre, seconda voce

Tracklist: 1. Mammut / 2. In Fuga / 3. Niagara / 4. L’ebbrezza del vuoto / 5. Rovere / 6. Ficus / 7.  È colpa mia / 8. Keef (una teoria da paranoide) / 9. Colto dal panico / 10. Dammi un la

Link: www.facebook.com/Volemia/ www.newmodellabel.com www.tikkamusic.org

 

Eh?

CRNG – Qualcosa A Cui Credere, il secondo album

crng_-cover_2016

CRNG – Qualcosa A Cui Credere –

Il secondo album in CD e Digital Download da New Model Label

Dal 2 dicembre 2016

“Qualcosa A Cui Credere” è il secondo album dei CRNG, formazione fiorentina che aveva esordito nel 2015 con “542 Giorni” ed oggi a meno di un anno di distanza ha realizzato un nuovo lavoro, figlio delle diverse esperienze maturate in così breve tempo. E’ un album istintivo in cui la matrice alternative rock della band emerge con maggiore convinzione ed energia, c’è una nuova consapevolezza, e le melodie quasi pop degli esordi lasciano spazio a momenti più riflessivi, più oscuri, in cui emergono influenze new wave e post-punk.

E’ la stessa band a raccontarci la genesi dell’album: “Il disco ha iniziato a muoversi già prima che uscisse “542 giorni”, “Colla” è nata a Marzo 2015, “Autunnale” è stata arrangiata la prima volta in un caldissimo giugno dello stesso anno. Tutte le esperienze venute dopo, i feedback avuti dalla prima produzione, le piccole gioie, le grandi delusioni, conferme e ripensamenti, hanno contribuito a dare un taglio più ambizioso all’album. E’ servito un ritiro artistico tra le montagne dell’Abruzzo per concludere la pre-produzione, in quel di Carpineto della Nora, un luogo dove abbiamo lasciato il cuore, suonando tra la cucina e il salotto di una casa che ha vibrato per otto giorni in armonia con la band. Le riprese sono state curate da Andrea Brodi presso Jam Recordings di Città di Castello, che ha curato anche i mix insieme a Michele “Parola” Pazzaglia (Paolo Benvegnù) mentre il mastering è di Giovanni Versari. “Qualcosa A Cui Credere” prende spunto dalla prima traccia, perché questo disco vuole essere per noi, un vero e proprio grido di consapevolezza nei propri mezzi, una conferma della necessità di crescere senza aspettare nuovamente 542 giorni, un’idea diversa spinta anche dalla bella opportunità data dalla Regione Toscana con Toscana100Band.”

L’artwork dell’album nasce da un’idea di Maria Elvira Lo Torto, prodotta da Duccio Melosi.

Realizzato con il sostegno del Progetto 100 band all’interno di Giovanisì – Regione Toscana

Formazione: Francesco Lo Torto: voce, chitarra / Pier Paolo Giovacchini: chitarra / Andrea Brodi: basso, elettronica / Luca Patrussi: batteria

Link: www.newmodellabel.com www.crng.it www.tikkamusic.org

Tracklist: 1. Qualcosa a cui credere / 2. Terra bruciata / 3. Tarantola / 4. Colla / 5. Scarpe rotte / 6. Scoraggiami / 7. Senza scuse / 8. Autunnale #1 / 9. Autunnale #2 / 10. Inetto / 11. Senza pelle

Luca Burgio e Maison Pigalle – La Sindrome Di Dorian Gray – nuovo singolo e video per l’artista siciliano, tra swing ad alta energia, canzone d’autore e atmosfere mediterranee

Link a video su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=TbkzAWzoX4M

Prossimi Appuntamenti Live:

9 settembre 2016 – Bitta – Bagheria (Pa)

10 settembre 2016 – Ai Giudici – Palermo

14 settembre 2016 – Noga – Palermo (Pa)

24 settembre 2016 – Farm Cultural Park – Favara (Ag)

30 settembre 2016 – via Roma – Porto Empedocle (Ag)

Il video ufficiale del primo singolo “La Sindrome di Dorian Gray” con cui Luca Burgio e tutta la Maison Pigalle si presentano ufficialmente con delle immagini cariche di forza, di eros. Un invito a godere della vita, in tutte le sue forme, fino all’ultimo respiro. Il singolo è tratto dall’album di esordio del cantautore siciliano, “Vizi, Peccati e Debolezze”, pubblicato in CD e digital download da New Model Label nel luglio 2016.
Il tema del brano è ovviamente ispirato al romanzo “Il Ritratto Di Dorian Gray” di Oscar Wilde. La canzone è nata a cavallo tra la Spagna, dove l’autore ha vissuto, e la Sicilia. “Il periodo in cui ho scritto il testo è stato quello più intenso di esperienze dove ho provato di tutto  fiondandomi in situazioni assurde” racconta Luca Burgio “situazioni che mentre vivevo andavo trascrivendo in quei versi che poi sarebbero diventati “La sindrome di Dorian Gray”. Il testo è composto dagli aforismi di Lord Wotton (la figura che instilla in Dorian Gray il pensiero edonista) ovviamente rivisitati e riscritti. Nel video viene riassunta in maniera concettuale la storia del romanzo, dove la figura del ballerino, nei panni di un mefitico Lord Wotton, spinge l’ingenuo ragazzo ad esplorare il piacere, il vizio,l’ eros, il gioco d’azzardo e la vanità, tutte immagini evocate nell’intero album “Vizi, Peccati e Debolezze”, ragion per cui ne è stato fatto il pezzo di punta. Nelle varie scene Luca Burgio veste il ruolo astratto del narratore e poi del musicista, come una figura esterna e interna alla scena appunto un “attivo astante”...

La formazione: Luca Burgio – voce / Andrea Scimé – contrabbasso / Armando Fiore – percussioni / Mauro Schembri – mandolino / Marco Macaluso – fisarmonica / Ettore Baiamonte – chitarra

Produttori: Mirella Buono e Silvia Gandolfo

Produzione esecutiva: Poikilia: https://www.facebook.com/poikilia/
Regia: Gianni Cannizzo
Dir. Fotografia: Gabriele De Palo
Montaggio: Giuseppe D’Agostino
Operatore: Gianfranco Previtera
Scenografia: Maurizio Riotta

Truccatore: Salvo Bartolone
Assistente Scenografia: Elisa Cricchio
Capo elettricista: Giorgio Saetta
Produttore esecutivo: Gianni Cannizzo
Aiuto Regia: Giuseppe D’Agostino
Ballerino: Giuseppe Muscarello
Attori: Bruno di Chiara, Michelle Vitrano, Serena Gambino
Un ringraziamento speciale al comune di Bagheria per le sale di palazzo Butera offerte per le riprese

Link: www.lucaburgio.it www.newmodellabel.com www.tikkamusic.org

Cranchi – Eroe Borghese – il video del brano dedicato a Giorgio Ambrosoli e nuovi concerti a Ferrara, Legnago e Castelmassa