modena

Rigo – Cash Machine – il nuovo album di Antonio Rigo Righetti – in CD & Digitale da New Model Label – dist. Audioglobe

rigo COVER per ads

Rigo – “Cash Machine” – il nuovo album

dal 1 dicembre 2017 in CD e in tutti gli store digitali da New Model Label

“Cash Machine” è il nuovo lavoro di Antonio “Rigo” Righetti registrato al Northhouse Studio di Ebbw Vale, in Galles.
L’album raccoglie l’amore per la musica, per la vita, la condizione umana e la follia di fare un mestiere che è considerato un lusso e da qui nasce lo spunto per il titolo.
Un bancomat, come simbolo di ciò che riduce i rapporti a una semplice transazione, automatica, tutto ciò che questo disco non è e non vuole essere.
Insieme a lui alcuni compagni di strada di sempre, Mel Previte alle chitarre e Robby Pellati alla batteria, insieme a Rigo da oltre 25 anni, dagli esordi con i Rocking Chairs, storica formazione che ha anticipato un certo modo di suonare rock in Italia, passando per la collaborazione con i Gang per il tributo a Tenco e ancora l’esperienza al fianco di Luciano Ligabue dal 1994 al 2007, in studio e sul palco, dagli stadi ai teatri fino ai tre mega concerti al Campovolo.

“Cash Machine” è un album di “Americana”, in cui emergono tutte le passioni del bassista e singer/songrwriter, da Dylan al blues, passando per Waits e Johnny Cash, senza però volere mai rinunciare alle proprie radici per imitare, anche solo vocalmente, modelli stranieri.

E, in questa “Americana” in realtà molto italiana troviamo anche la collaborazione di Antonio Gramentieri noto anche come Don Antonio, uno dei chitarristi più significativi del nostro paese che ha dato il suo tocco in alcuni brani tra chitarre vintage, lapsteel, inserti minimali capaci però di definire un mondo sonoro.

C’è poi una storia che lega tutti i brani dell’album ed è quella che Rigo racconta nel romanzo parzialmente autobiografico “Schiavoni Blues” in uscita in contemporanea con l’album pubblicato da Artestampa, una storia che è quasi una leggenda modenese, quella di suo padre Guido, del suo bar nel Mercato Coperto e di come il musicista è cresciuto ed ha scelto la sua strada, la meno scontata tra le tante possibili.

Il tracking del disco è stato effettuato in Galles, con l’ausilio di Chris Peet, engineer e chitarra acustica, la batteria minimale di Dave Harris e tutto quello che diventa suggestione quando ti cali in un contesto nuovo.


Tracklist: 1. You You You / 2. All My Soul / 3. I’ll Stick To The Music / 4 Bass. It’s The New Mania / 5. Ballerina / 6. Under Your Spell / 7. it’s My Father / 8. Happy (With My Bass Under The Snow) / 9. Come Dance With Me / 10. Let The Rain Fall / 11. Tabadan

Link: www.newmodellabel.com/rigo

Prossimi Concerti in continuo aggiornamento:

18 novembre 2017 – Rigo’s Water Hole Trio Live – Circolo XXV Aprile – Correggio (Re)
25 novembre 2017 – Rigo’s W.mel & Robby Live – Teatro – Curtatone (Mn)
29 novembre 2017 – Andrea Barbi Show – live in diretta tv – TRC – Modena – digitale terrestre e web
1 dicembre 2017 – Rigo’s Cash Machine Tour w.Mel Previte & Robby Pellati- Pit – Bellinzona (Ch)
2 dicembre 2017 – Rigo w.Mel Previte & Robby Live – Spazio Teatro 89 – Milano (Mi)
15 dicembre 2017 – Cash Machine Tour – Stones Cafè – Vignola (Mo)
22 dicembre 2017 – Rigo’s Cash Machine Tour w.Mel Previte & Robby Pellati   – Le Rive – Bassano Del Grappa (Vi)
12 gennaio 2018 – Rigo’s Cash Machine Tour w.Mel Previte & Robby Pellati   – Ghe Pensi Mi’ – Milano
23 febbraio 2018 -Rigo’s Cash Machine Tour w.Mel Previte & Robby Pellati – Contestaccio – Roma
3 marzo  2018 – Rigo’s Cash Machine Tour w.Mel Previte & Robby Pellati – Off – Modena

Rigo, Mel Previte e Robby Pellati durante le prove all’Earthtone Studio – Sassuolo (Mo)

Lips Against The Glass – Not Only – il video


“Not/Only” è il primo video ufficiale dei Lips Against The Glass, formazione di base a Bologna, creativa e sfuggente, tra elettronica, shoegaze e sperimentazioni ambient, e è tratto da “Furfuzzy/Furflies” (7″ e Digital Download – New Model Label – 2015), split ep di sei tracce in collaborazione con Unmade Bed, band fiorentina dedita a sonorità psichedeliche.
Il video, in accordo con il brano, è un vortice ossessivo di sensazioni, un invito a perdersi in un tunnel di luci e sprazzi di calore. Le riprese ed il montaggio sono stati realizzati grazie alla collaborazione con Gammo Video e Elgaraje, negli ambienti dell’ex Senza Filtro e Bologna città.
I Lips Against The Glass hanno all’attivo un album “Vivid Colour”, pubblicato nel 2013 da Seahorse Recordings, un EP digitale di remix, “That Moment -Remixed-” pubblicato in digitale da New Model Label nel 2014 ed una serie di collaborazioni e remix per Bodwan, Ultraista ed Above the tree. Da segnalare anche le sonorizzazioni dei film muti “Alice in Wonderland” di Cecil Hepworth (1903) e “Das Cabinet des Dr. Caligari” di Robert Wiene, esistente solo in forma live e già presentata a Cracovia e presso il Palazzo dei Musei di Reggio Emilia e la partecipazione al Festival Della Filosofia di Modena con la sonorizzazione di “The President” di C.T. Dreyer all’interno del progetto Soundtracks curato dal Centro Musica.

Link: http://lipsagainstglass.tk/

Formazione: Gabriele Chinè: voce, chitarre, elettronica, samples / Giuseppe Cassano: elettronica, samples, bassi.

Video Credits:
Director & Editor : Enrico Galli / Director of Photography: Giancarlo Morieri / Her: Marina Facchi / Elements and Liquids Assistant: Andrea Alvisi / First Electrician: Francesco Gastoldi / Producer: Miguel Gatti / Gammo Video / Elgaraje Produzioni

Giancarlo Frigieri – Troppo Tardi – il nuovo album – dal 9 Ottobre 2015 – New Model Label / Controrecords

_MG_0447
Prossime Date:

18 Settembre 2015 – Stella Nera – Modena

7 Ottobre 2015 – Catomes Tot – Reggio Emilia

“Troppo Tardi” è il settimo album pubblicato da Giancarlo Frigieri dal 2006 ad oggi, un lavoro realizzato interamente con voci e chitarre ma con risultati che vanno oltre a quelli del classico stereotipo del cantautore. Il musicista di Sassuolo, che per i suoi testi unici e corrosivi è già stato ribattezzato “Il Savonarola della musica indipendente italiana”, torna con un album nel quale decide di avvalersi solamente di voci e chitarre, da sempre gli unici strumenti che lo accompagnano dal vivo. Eppure Frigieri licenzia un album che non ha le classiche sonorità “da cantautore”, dove chitarre e voci sono usate spesso soltanto come sorgenti di suono per poi essere debitamente filtrate dagli effetti più svariati oppure modellate in contesti decisamente atipici. Può accadere così che ne “Il chiodo” Frigieri sussurri le parole “Zitti tutti” per simulare una batteria con le spazzole, che in “Motivi Familiari” la ritmica sia affidata alle parole “Ti amo” in lingua finlandese mandate in loop, oppure in “Elicotteri e cani” l’effetto percussivo sia garantito da respiri e feedback di chitarra. Pure le chitarre non sono usate sempre in maniera convenzionale e, pur non mancando le classiche ballate, capita che in “Fiori” un assolo di chitarra sia fatto unendo pezzetti di melodie di autori classici del novecento (Bartòk, Stravinskij, Shostakovich, Debussy, Holst) sopra a un basso simulato con la voce alla maniera di Bobby McFerrin. Oppure capita di trovare fuzz acidi che odorano di Spacemen 3 uniti a tapping che tanto devono ai Frippertronics dei King Crimson del periodo “Discipline” in “Nakamura” oppure che una canzone come “Galleria” inizi con un pesante debito ai Primal Scream di “Shine like stars” e finisca come una torch song da spot pubblicitario. Gli otto brani dell’album sono legati da un tema comune, ed a volte alcune parole ricorrono volutamente, proprio per creare un ulteriore legame interno tra le canzoni. “E’ un disco che parla dell’accettazione della propria sconfitta, del fatto che riconoscere di essere stati sconfitti non è una cosa necessariamente negativa anzi può essere un ottimo punto per ripartire, visto che capita molto spesso di fallire in quello che ci si è prefissati, almeno all’uomo comune” racconta Giancarlo Frigieri, lasciando all’ascoltatore il gusto di scoprire le possibili interpretazioni, “I testi parlano più o meno tutti di questo, di storie di persone sconfitte, di chi la vive come un incubo, chi la vive come una liberazione per poter ricominciare, chi la vive ridendoci su, chi non si rassegna, chi la prende serenamente come un’esperienza necessaria e chi nella sconfitta ci fa il bagno tutti i giorni”.

Tracklist: 01. Nakamura / 02. Galleria / 03. Nel Mondo Che Faremo / 04. Elicotteri E Cani / 05. Il Limite / 06. Motivi Familiari / 07. Fiori / 08. Il Chiodo

Discografia: Close Your Eyes, Think About Beauty – 2006 / L’Età Della Ragione – 2009 / Chi Ha Rubato Le Strade Ai Bambini? – 2010 (LP+CD) / I Sonnambuli – 2011 / Togliamoci Il Pensiero – 2012 / Distacco – 2014 – Troppo Tardi – 2015

Link: www.miomarito.it http://newmodellabel.com

Gibonni a Modena, la rock star croata in concerto in diretta negli studi di TRC di Modena ospite per Andrea Barbi Show

Flyer Gibonni Barbi
Gibonni a Modena, la rock star croata in concerto in diretta negli studi di TRC di Modena  ospite per Andrea Barbi Show
– Mercoledì 8 Aprile – ore 21.15 – 23.00 sul canale 15 – digitale terrestre – Emilia Romagna

Appuntamento internazionale per lo show condotto da Andrea Barbi che, per la serata in diretta di Mercoledì 8 Aprile ospiterà Gibonni, semplicemente il rocker più famoso in tutti i paesi della ex-Jugoslavia che si esibirà dal vivo con uno speciale set acustico.
L’artista croato ha da sempre un rapporto particolare con il nostro paese, e non è un caso che il suo ultimo singolo è stato proprio “She Said (Non Credere)”, un brano dal suo ultimo album “20th Century Man”, riproposto in duetto con Danilo Sacco, artista che non ha certo bisogno di presentazioni, grazie alla sua carriera con i Nomadi e come solista. Nella versione italiana di “She Said” a sorpresa Gibonni ha cantato anche delle frasi nella nostra lingua. Il musicista di Spalato, al secolo Zlatan Stipišić, è attivo come solista dagli inizi degli anni ’90 e si può dire che la sua musica riesce ancora ad unire tutti i popoli della ex-Jugoslavia e spesso i suoi concerti fanno registrare il tutto esaurito, in stadi, palasport o teatri e, qualunque sia la situazione i suoi fan sanno che lo spettacolo che sarà proposto avrà sempre qualcosa di speciale, che siano ospiti internazionali o semplicemente la presenza di Gibonni, che non si fa mai problemi a scendere dal palco per andare in mezzo al suo pubblico, cancellando così ogni distanza. Gibonni poi ha lanciato verso la fine del 2013 la sua carriera a livello internazionale, incidendo per la prima volta un album intero in inglese, “20th Century Man”, registrato tra la Croazia e l’Inghilterra, per la precisione ai mitici Abbey Road Studios, con la produzione artistica di Andy Wright, già al lavoro con Simply Red, Simple Minds e molti altri. Il risultato è un grande album di rock internazionale, con momenti più energici come “Hey Crow”, dalle sonorità quasi hard rock a ballad romantiche come “She Said” o ancora passando per il soul energico di “20th Century Man” che non sarebbe sfigurata in un album di Zucchero o di Joe Cocker. Difficile riassumere in così poco spazio una carriera così lunga e ricca, e Gibonni è stato definito più volte dalla stampa italiana come il “Vasco Rossi Croato”, definizione che forse non è artisticamente esatta ma che riesce a rappresentare al meglio il rapporto speciale che ha costruito con il suo pubblico.

Link: www.gibonni.com
www.newmodellabel.com

Four Tramps – “Tramps & Thieves” dal 27 Gennaio 2015 in tutti gli store digitali da New Model Label

Four Tramps_cover_400

“Tramps & Thieves”, è il viaggio degli ultimi, di chi non ha più’ il controllo della propria vita, di chi lotta col proprio demonio e di quelli a cui e’ stato portato via tutto (un lavoro, una casa, una donna, la dignità). Tra finzione e realtà dagli anni ’30 ai nostri giorni, il rock che prende forma dalle ceneri di quel caldo blues che accende gli animi e brucia i cuori… e la bottiglia sempre li a guardarti…

Il blues come amore e punto di partenza, che viene però sviluppato dalla band reggiana in chiave personale, in cui trovano posto influenze punk, garage e classic rock. Un viaggio ideale, dal Mississippi alla pianura del Po, passando per Detroit e Nashville, dove il suono si tinge così di influenze elettriche e sudiste. Muddy Waters, Stones, Eagles, Son House, Doors, The Who ma anche Jack White o ZZ Top o ancora qualche dimenticato gruppo texano da qualche oscura raccolta garage dei 60s. Sono questi solo alcuni dei riferimenti che vengono alla mente ascoltando questo esordio, “Tramps & Thieves”, un album ricco e vario, il giusto preludio alle performance live della band emiliana.

Trackist: 1. 22 Crickett (My First Rifle) / 2.Moonshiner In Love / 3.Tramps & Thieves / 4.The Girl Of Abnormal Dreams / 5. Last Day Of Freedom /6.Tremblin’ Land Blues / 7. Mr Jameson (Irish Drunken Blues) / 8. Morning Spread Blues / 9. Buster Blues / 10. Revolution Tonight / 11. Me & The Devil #2 / 12. Summertime Blues (solo nella versione CD)

Biografia: Il progetto Four Tramps nasce nel 2011, avendo nel proprio bagaglio diverse anime che attingono dal classic rock americano, dall’esplosivo rock inglese anni ’60 e’70, e dall’onda d’urto “self made” sfacciata del punk. È con la solida anima blues malinconica e sognante e al contempo irriverente che ci poniamo interrogativi sul mondo e l’attualità. Dopo una registrazione demo degli esordi diffusa gratuitamente alle persone presenti ai numerosi concerti sparsi in Emilia e non solo, nel Febbraio 2014 nasce il primo vero album “Tramps & Thieves” registrato al Vox Recording studio di Reggio Emilia e interamente autoprodotto dai Four Tramps in uscita in tutti gli store digitali a fine Gennaio 2015, che sarà pubblicato da New Model Label.

Formazione: Simone “Montru” Montruccoli: Voce, chitarra e armonica – Davide “Guzzo” Guzzon: Chitarra, slide e cori – Elia “Ezzi” Braglia: Basso e cori – Osiris Joe: Batteria

Link: http://fourtramps.bandcamp.com/releases

Four Tramps in concerto:

24 Gennaio 2015 – Gasoline Road Bar – Lentigione di Brescello (RE)

27 Gennaio 2015 – ELIO – Modena

31 Gennaio 2015 Pura Vida Social Club – San Bernardino di Novellara (RE)

13 Febbraio 2015 – Campus Industry Music – Parma – in apertura a BSBE

28 Febbraio 2015 – Mattorosso – Montebelluna (TV)

7 Marzo 2015 – Telling Stories – Bologna

15 Marzo 2015 – Lord Nelson – Reggio Emilia (RE)

26 Marzo 2015 – Barricada Cafè – Casalgrande (RE)

12 Aprile 2015 – Nerocaffè – Castelmassa (RO)

8 Maggio 2015 – Calamita – Cavriago (RE)

Four Tramps_foto web

Gasparazzo – “Esiste Chi Resiste”, il concept album acustico sulla Resistenza, dal 28 Gennaio 2014

Gasparazzo – “Esiste Chi Resiste” in CD e digitale, dal 28 Gennaio 2014 da New Model Label, distribuzione Audioglobe

Le storie dei protagonisti della Resistenza, raccolte, salvate e raccontate in un album acustico.

Un album che raccoglie il lavoro di oltre dieci anni, iniziato nel 2003 in seguito alle richieste di alcuni comuni delle province di Modena e Reggio Emilia di musicare le vicende ed i personaggi che fecero la Liberazione d’Italia. La richiesta che nasce dall’impegno della band in eventi, rappresentazioni teatrali, laboratori nelle scuole, video-documentari legati alla solidarietà ed alla memoria storica. Per l’occasione i Gasparazzo da subito scelgono di adottare una scelta stilistica diversa dal repertorio abituale, abbandonando la forma canzone a loro consueta e privilegiando sonorità acustiche, che fanno di “Esiste Chi Resiste” un vero e proprio side-project con una precisa identità musicale. La scelta stilistica nasce dalla necessità di suonare le canzoni nei boschi e nei cortei senza ausilio di impianti audio e quindi l’utilizzo di chitarre percussive con accordi semplici è stata una scelta obbligata ma anche calzante con il gusto della band. I ritmi tribali e monolitici hanno sempre fatto parte del linguaggio dei Gasparazzo e l’utilizzo di accordature aperte e del capotasto mobile hanno aggiunto un sapore a volte esotico ai brani, lasciando spazio per l’inserimento di altri strumenti come violino, violoncello, fisarmonica, sax e percussioni. Il repertorio però differisce soprattutto sul piano testuale, nel progetto acustico emergono dati storici, citazioni, proiezioni al presente ed una struttura di tipo narrativo, un vero racconto in musica.

Tracklist: 1. Villa Emma/ 2. Rosso Albero / 3. La Notte Di S.Giovanni / 4. Le Staffette / 5. Le Tane / 6. La Grotta / 7. Tira / 8. La Torre / 9. Bussina / 10. Vercallo / 11. Navicello / 12. Avanti Lavativi! / 13. Eco Nel Vuoto / 14. Campazzo / 15. Cortogno / 16. Il Sipario

Formazione:  Alessandro Caporossi – voce, percussioni e chitarra / Giancarlo Corcillo – tastiere e fisarmonica / Lorenzo Lusvardi – batteria / Generoso Pierascenzi – chitarre / Roberto Salario – basso elettrico e contrabbasso

Link: www.gasparazzo.it

Discografia:  Tiro Di Classe (2007, Terra Calda  dist. Self) Fonostorie (2010, Gasparazzo/ Goodfellas) – Obiettivo Sensibile (2012, – Autonomix  dist. Venus) – Esiste Chi Resiste (2014, New Model Label dist Audioglobe)

Link a Biografia: http://newmodellabel.com/artists/gasparazzo/