alternative

Porco Rosso – Living Dead – il debutto del duo horror synth punk pisano dal 20 Ottobre 2017 da New Model Label

Porco Rosso – Living Dead – dal 20 Ottobre 2017 – New Model Label

Video: Profondo Nero – https://youtu.be/_IesaH9C7Ls

Prossime Date: Venerdì 20 Ottobre 2017 – Elefante Elegante – Camaiore
Venerdì 1 Dicembre 2017 – Il Baretto del Leoncavallo – Milano

Porco Rosso: musica, parole, immagini, stile; un collettivo artistico animale formato da due persone, si, due! Perché Porco Rosso è un duo Synth Punk, il suo stile scolpisce atmosfere orrorifiche incuneate su testi che sfruttano il “genere” per nascondere canti sovversivi a le masse. Tutto questo culmina in “Living Dead” manifesto vero di Porco Rosso. Un concept album composto da dieci passi di deumanizzazione i quali ci accompagnano nella metamorfosi da essere umano a Zombie, perfetta incarnazione pop dello stato sociale . Morti che mangiano morti perché non è rimasto più nulla. Porco Rosso sono Michele Ricoveri (parole, voce e partiture elettroniche) e Giovanni Sodi (organo elettronico, synth, e miscellanee). Porco Rosso, maiale sovversivo volante attacco presente ad ogni tipo di potere difesa futura contro la restaurazione di ogni autorità.

https://www.facebook.com/artpork/

Umberto Ti. – l’EP di esordio prodotto da Giuliano Dottori

 

Umberto Ti. – Cielo Incerto – L’EP di esordio del cantautore di Padova con la produzione artistica di Giuliano Dottori In tutti gli store digitali dall’11 Novembre 2016 da New Model Label

Umberto Ti. è lo pseudonimo di Umberto Tramonte, cantautore padovano che arriva al debutto con 5 brani, dove la passione per la canzone d’autore italiana si unisce a sonorità più moderne e contemporanee, chitarre elettriche, inserti di elettronica, grazie anche alla produzione artistica di Giuliano Dottori. I brani di Umberto Ti. partono da atmosfere intimiste, storie personali e sognanti, il “Cielo Incerto” che da il titolo all’album è più uno stato d’animo, raccontato attraverso la figura di una donna che prende un treno lasciando il protagonista solo indossando il solito vecchio cappotto… “Cambio paese e ti rivedo cambio nazione e ti ritrovo!” e in queste parole c’è sempre e comunque una traccia di speranza.

E’ sempre la figura femminile ad essere al centro del racconto, questa volta però in una non precisata metropoli che, come il titolo della canzone “AngeliFantasmi”  è un po’ Angelo un po’ Fantasma, ti insegue, si perde, si fa trovare  tra piazze: “Il tuo vestito nuovo l’ho visto sempre li girare tra le piazze piene di persone così sole…”; o in un porto “…Non mi ricordo piu’ il tuo nome, giù al porto ti ho cercato tutta la notte…”.

Nel corso di questo EP di 5 tracce c’è anche spazio per momenti più energici, come ad esempio “Alibi” che mostra un altro lato della musica di Umberto Ti., in questo caso più blueseggiante e urbano, quasi il racconto cinematografico di una serata fuori controllo.

Credit: Prodotto e arrangiato da Giuliano Dottori presso il Jacuzi Studio – Mixato da Antonio “Cooper” Cupertino  presso il San Pedro Studio

Tracklist: 1. Città Affollata – 2. Cielo Incerto – 3. Non Mi Ricordo Più Il Tuo Nome – 4. Alibi – 5. AngeliFantasmi

Link: www.newmodellabel.com   www.tikkamusic.org

CRNG – “Bestie”, il nuovo video


CRNG – “Bestie””
Il secondo video dall’album “542 Giorni” – in CD e digitale da New Model Label
Video in anteprima su Rockgarage.it dal 30 Maggio 2016:  https://youtu.be/jMMmhTmNEBQ

Prossimi appuntamenti live:

3 giugno 2016 – NOF – Firenze (con Nu. e Francesco Biadene)

17 giugno 2016 – Aperitheatre – San Casciano (Fi)

18 Giugno – Festa Del PD – Scandicci (Fi)

27 agosto 2016 -Angoli Musicali – Bibbiena (AR)

I CRNG presentano il video di “Bestie”, il secondo singolo estratto dal loro album d’esordio “542 giorni”. La giovanissima band fiorentina in oltre sei mesi dal debutto ha maturato decisamente il proprio stile, grazie anche all’esperienza accumulata in oltre 20 date a partire dallo scorso settembre. Una presenza costante che ha avuto anche un riconoscimento ufficiale, i CRNG infatti sono stati selezionati per il bando Toscana 100 Band grazie al quale sarà finanziata la produzione del secondo album. Con il primo singolo, “Non Hai Avuto Tempo” la band aveva esplorato l’aspetto più pop del proprio repertorio mentre “Bestie” rappresenta l’altra faccia del gruppo dal sound più incisivo e duro, più concreto e fortemente diretto, di matrice rock. Il video vede in scena due uomini intenti a lottare in una piscina di terra, mentre il pubblico li osserva attraverso lo schermo di una tv, che diventa poi una quarta parete tra pubblico e lottatori. Le scene quindi rimandano alla natura più istintiva ed animale dell’uomo, esattamente come il testo del brano. Mentre alternate alle scene di lotta ci sono poi le riprese della band che suona in una vecchia rimessa, con un’intenzione ed un’attitudine proporzionate al testo del brano. La sceneggiatura è stata scritta da Andrea Brodi, mentre la regia è stata curata da Edgar Vannelli con l’aiuto alle riprese di Alessandro Artini, a inizio Maggio nelle campagne aretine e nei dintorni di Firenze. Il montaggio è stato poi realizzato da Daniele Di Francesco. Ad accompagnare il videoclip, scatti e brevi scene direttamente dal backstage realizzate durante le riprese da Maria Elvira Lo Torto.

Link: www.crng.it   Booking: www.tikkamusic.org
Etichetta ed Edizioni: www.newmodellabel.com

Russo Amorale- l’EP di esordio del cantautore italo/francese – dal 20 Febbraio 2016 in tutti gli store digitali e in CD

Copertina

Russo Amorale – EP- dal 20 Febbraio 2016 in tutti gli store digitali e in CD Il video, su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=LHhDtfuL03w

Russo Amorale è un cantautore francese di origini italiane, all’anagrafe Ugo Russo, nato nel gelido febbraio del 1991 in un piccolo borgo della Lorena post-industriale. Rampollo di una famiglia italo-francese di muratori, macellai, insegnanti e artisti del quotidiano, la sua scelta di cantare in italiano è insieme una ricerca poetica, intima e familiare. L’amoralità dello straniero, del “bastardo” multiculturale e sradicato è la cifra stilistica della sua espressione di un lirismo europeo. I testi di Russo Amorale sono il crogiuolo in cui si fondono i luoghi delle peregrinazioni del cantautore: Reggio Emilia, Nancy, Lione, Bologna, Parigi si mescolano per creare una nuova geografia mentale. “Fossato 41” è una carrellata folk-rock nelle vie bolognesi, un collage di citazioni e illuminazioni che sfocia nella celebrazione quasi gospel della città emiliana. “Torrione 10” invece, la seconda parte del dittico cittadino, è una ballata martellante tra i due fiumi lionesi, in cui un basso ostinato fa da trama al ghigno sardonico dell’invettiva. Una nuova geografia quindi, ma anche un nuovo gergo poetico: francesismi, traduzioni approssimative e tradimenti linguistici formano una lingua di frontiera, amorale, appunto. C’è anche posto per l’inglese nel blues vintage e viscerale di “Galileo”, pezzo registrato in live su nastro e senza sovra-incisioni. Lo stesso metodo è stato utilizzato per registrare “Le cose (che ti fanno prendere male)”, in cui un assolo di armonica a bocca risponde a un testo surrealista. La traccia di apertura dell’EP esprime l’essenza delle “chansons à texte” di Russo Amorale: “L’Emergenza di Emergere” è un’avventura generazionale, l’urgenza pigra di una sventura italiana, francese, europea, in cui i riff rock-blues sorreggono una filastrocca beat dedicata a tutti gli outsiders di provincia.

Crediti:

Testi, musiche e arrangiamenti: Russo Amorale

Registrato tra Bologna, Lione e Nancy

Registrazioni numeriche: Russo Amorale e Jean Bouther

Registrazioni analogiche: Nicolas Crouvizier

Foto copertina: Pierre Banon

Edizioni New Model Label
Link: www.russoamorale.com
www.newmodellabel.com
www.tikkamusic.org

Gasparazzo Bandabastarda – Forastico, il nuovo album tra folk, punk, radici abruzzesi e world music e le nuove date del tour 2016

Gasparazzo Bandabastarda – Forastico, il nuovo album tra folk, punk, radici abruzzesi e world music e le nuove date del tour 2016
Album disponibile in CD e digitale dal 19 Febbraio 2016
“Vito Il Pistolero” – il video ed il singolo dal 29 Gennaio 2016

Anteprima “Forastico Tour”:

Giovedì 18 Febbraio 2016 – Il Cantuccio – Piobbico (PU)

Venerdì 19 Febbraio 2016 – Vico Degli Artisti – Vasto (CH)

Sabato 20 Febbraio 2016 – Baratto – S. Atto (TE)

Domenica 21 Febbraio 2106 – Geleò Circolo Arci  – Morrovalle (MC) 

Venerdì 26 Febbraio 2016 – Sedel – Luzern (Switzerland) 

Sabato 27 Febbraio 2016 – Mohawk – Mannheim (Germany)

Sabato 12 Marzo 2016 – San Marino Cafè – Casal Borsetti (RA)

Domenica 13 Marzo 2016 – Red Mosquito – Scandiano (RE)

Venerdì 8 Aprile 2016- Vibra Club – Modena

Un nuovo lavoro, registrato in presa diretta da Franco Fucili al Teatro Vittoria di Pennabilli, in Alta Valmarecchia, in provincia di Rimini ed è il sesto album ufficiale della formazione emiliana con radici abruzzesi. Il disco nasce da due anni in tour per promuovere il precedente lavoro, Mo’ Mo‘ e dalla voglia di riprodurre le sensazioni e le sonorità del live. Un album in cui gli strumenti acustici come la fisarmonica, batteria e contrabbasso hanno una parte centrale e si uniscono invece a chitarre elettriche dalle sonorità vintage. La scaletta del disco pesca dal repertorio della band, alcuni brani rodatissimi dal vivo come Maestro Del Tajine, Mesci Do Tazz e Rulla Nu Truzz ma anche episodi più recenti come Fondaco, con l’aggiunta di quattro inediti. Un aspetto centrale è la scelta del dialetto abruzzese in 4 brani, che si ricollega al significato, apparentemente misterioso del titolo, di seguito spiegato dalla band.

“Forastico è il punto giusto, il termine che andavamo cercando per “catalogare” questo nostro ultimo lavoro. Ce lo sentiamo, è il nostro dna, sin dal principio. Gasparazzo è forastico. In una indagine nostra approssimativa e curiosa abbiamo notato come il termine, nella storia della lingua italiana, vada coprendo una fascia d’ Italia che dall’ Abruzzo, attraversando i monti, porta alla capitale; e con un pizzico di suggestione, di magia voluta, è come se a Roma il termine l’ avesse portato “il forestiero”, il paesano abruzzese. O meglio, è come se indicasse l’ indole stessa di questo “corpo estraneo”. Vengono alla mente un paio di apparizioni del termine, per esempio senza entrare nei dettagli, nei sonetti di Giuseppe Gioacchino Belli, in quell’arretrata Roma papale ottocentesca più volte il poeta ricorre al termine “forastico”. Oppure nel film “Brutti, sporchi e cattivi” di Ettore Scola, in quei “vivi” anni ’70 di baracche e borgate romane c’è una sequenza nella quale Iside (Maria Luisa Santella), la tettona amante di Giacinto (Nino Manfredi), riferendosi all’ ingombrante parentela di quest’ ultimo dice “Non so’ cattivi, so’ forastici” (non a caso nei dialoghi c’è lo zampino di Sergio Citti). Sin da bambini si viene messi in guardia dai pericoli, può essere il fuoco, l’ acqua bollente, così come la gatta, nata in cattività, è “forastica”, perché imprevedibile. Allo stesso modo forastico è Lu Lupe che andiamo cantando, così come le vicissitudini di Mustafà il maghrebino ne Il maestro del Tajine che litiga con il maiale colpevole di avergli rovinato il permesso di soggiorno afferrandogli coi denti il portafoglio. Addirittura in Gasparazzo 3D il forastico va cambiando pelle e attraversa la Storia e lo stivale: dalla Sicilia preunitaria dove si dà alla macchia perché carbonaro rivoluzionario, il protagonista riappare in fabbrica in pieno boom economico nelle vesti di inquieto operaio alla catena di montaggio (qui il nostro omaggio va al disegnatore Roberto Zamarin, autore della striscia-fumetto di Gasparazzo nella rivista “Lotta Continua”), infine rieccolo ai giorni nostri nelle vesti di suonatore (Noi) di storie di umili eroi rubate ai libri più belli, “facce storte” e verità scomode: perché “nella storia dei tempi un ribelle ci sarà sempre”. A modo suo anche Sand’Andonije è forastico, così vogliamo immaginarcelo avendo lui a che fare tutti i giorni con le bestie (e in primis con il maiale come Mustafà). Così come può essere forastico il sapore in un antico piatto farcito di campagna e faticoso lavoro (Lu Magge) o un odore d’ evasione, un’ essenza da condividere in compagnia (Mesci do tazz e rulla nu truzz) o un tanfo di cantina misto a sudore ed energia (Fondaco). Forastici sono alcuni nostri personaggi decisamente sopra le righe come Vito il pistolero, lunatico cameriere letterario o Balla Pedro ubriaco d’ amor, sognatore a piedi nudi in un lontano Messico.”

Formazione: Alessandro Caporossi, voce e chitarra classica – Generoso Pierascenzi, voce e chitarre – Giancarlo Corcillo, fisarmonica – Roberto Salario, contrabbasso – Matteo Cimini, batteria

Tracklist: 1. Gasprazzo 3D – 2. Balla Pedro – 3. Vito Il Pistolero – 4. Mesci Do Tazz E Rulla Nu Truzz – 5. Fondaco – 6. Sandandonje (tradizionale) – 7.Lu Magge – 8. Il Maestro Del Tajine – 9. Lu Lupe

Discografia: Tiro Di Classe (2007, Terra Calda – dist. Self) – Fonostorie (2010, Gasparazzo – dist. Goodfellas) – Obiettivo Sensibile (2012, Autonomix – dist. Venus) – Esiste Chi Resiste (2014, New Model Label – dist. Audioglobe) – Mo’ Mo (2014, New Model Label -dist. Audioglobe) – Forastico (2016, New Model Label)

Link: www.gasparazzo.it
Etichetta: www.newmodellabel.com
Booking: www.makeadream.it

Foto Ufficiale GASPARAZZO_Smll

(re)offender – Down For A While – il nuovo video e singolo tra sonorità dark wave e shoegaze

(re)offender – Down for a While

Il nuovo singolo e video: https://www.youtube.com/watch?v=cK4oupmbp7s

“If the light will be livid as the day all my dreams were laid down for a while”

La band di Frosinone torna con un nuovo video tratto dall’omonimo EP pubblicato agli inizi del 2015 da New Model Label e disponibile in CD ed in tutti gli stores digitali, registrato da Paolo Rossi già al lavoro con Soviet Soviet, Be Forest e molti altri allo Studio Waves di Pesaro e al momento i (re)offender sono al lavoro sul nuovo album in uscita nel 2016.
Il video viene così raccontato dalla band: “Una figura oscura si sveglia quando ci addormentiamo, dal nero della memoria si insinua nella nostra coscienza, è incontrollabile. Divora e ingoia tutto quello che ha valore: rende insensato il tempo che abbiamo vissuto e frammenta l’io; quando ci svegliamo continua a vivere e a crescere. Ora dopo ora emerge l’incubo dell’eterno ripetersi delle giornate nel degrado, nell’inerzia e nell’appiattimento culturale; la dimensione soggettiva, come nella tecnica di ripresa, diventa spersonalizzata, come se tutti gli occhi fossero in grado di vedere soltanto le stesse immagini, la stessa natura, quasi coperti da un filtro claustrofobico. Il video vuole essere anche una celebrazione della vita, un incoraggiamento a vivere ogni giornata anche se è uguale alle altre, ad avere qualcosa da rimpiangere o da perdere, a cercare forme di espressione in una quotidianità anestetica e culturalmente compromessa come quella di provincia.”

Link: www.newmodellabel.comwww.facebook.com/reoffenderofficial

Nu. – Circles – l’album da oggi in tutti gli store digitali


Filippo Infante aka Nu, classe 1982, nasce a Livorno circondato da film, libri e musica. Ancor prima del sesso, scopre il piacere di scrivere e cantare a squarciagola. Crescendo, si cimenta nel campo della poesia e dei racconti brevi, sperimenta la narrativa per l’infanzia, si diletta in giornalismo e critica musicale. Tutto questo senza mai abbandonare la sua passione più profonda: la musica. Nel 2005 si unisce alla sua prima band, Lip Colour Revolution con i quali si esibisce su uno dei prestigiosi palchi dello Sziget Festival (Budapest). Con loro pubblicherà tre dischi.
Successivamente prende parte al progetto Vision of Johanna come tastierista, accompagnando il gruppo fino all’uscita del loro primo album “Lococulisti o maglione” (Toten Schwan-Inconsapevole Records, 2013).
Durante il 2014 comprende quanto feconda di idee sia la solitudine e così, tutto solo, compone il suo primo disco, “Circles” sotto lo pseudonimo Nu. L’album è un vero e proprio mix di tutte le influenze musicali che hanno contribuito
alla sua crescita artistica.

Lips Against The Glass – Not Only – il video


“Not/Only” è il primo video ufficiale dei Lips Against The Glass, formazione di base a Bologna, creativa e sfuggente, tra elettronica, shoegaze e sperimentazioni ambient, e è tratto da “Furfuzzy/Furflies” (7″ e Digital Download – New Model Label – 2015), split ep di sei tracce in collaborazione con Unmade Bed, band fiorentina dedita a sonorità psichedeliche.
Il video, in accordo con il brano, è un vortice ossessivo di sensazioni, un invito a perdersi in un tunnel di luci e sprazzi di calore. Le riprese ed il montaggio sono stati realizzati grazie alla collaborazione con Gammo Video e Elgaraje, negli ambienti dell’ex Senza Filtro e Bologna città.
I Lips Against The Glass hanno all’attivo un album “Vivid Colour”, pubblicato nel 2013 da Seahorse Recordings, un EP digitale di remix, “That Moment -Remixed-” pubblicato in digitale da New Model Label nel 2014 ed una serie di collaborazioni e remix per Bodwan, Ultraista ed Above the tree. Da segnalare anche le sonorizzazioni dei film muti “Alice in Wonderland” di Cecil Hepworth (1903) e “Das Cabinet des Dr. Caligari” di Robert Wiene, esistente solo in forma live e già presentata a Cracovia e presso il Palazzo dei Musei di Reggio Emilia e la partecipazione al Festival Della Filosofia di Modena con la sonorizzazione di “The President” di C.T. Dreyer all’interno del progetto Soundtracks curato dal Centro Musica.

Link: http://lipsagainstglass.tk/

Formazione: Gabriele Chinè: voce, chitarre, elettronica, samples / Giuseppe Cassano: elettronica, samples, bassi.

Video Credits:
Director & Editor : Enrico Galli / Director of Photography: Giancarlo Morieri / Her: Marina Facchi / Elements and Liquids Assistant: Andrea Alvisi / First Electrician: Francesco Gastoldi / Producer: Miguel Gatti / Gammo Video / Elgaraje Produzioni

CRNG – Non Hai Avuto Tempo – il video e l’EP in free download

Prossime date:

5 Novembre 2015 – Combo Social Club – Release Party – Firenze

14 Novembre 2015 – Opificio – Umbertide (Pg)

28 Novembre 2015 – Wip Club – Terranuova Bracciolini (AR)

11 Dicembre 2015 – 4Rooms – Prato

12 Dicembre 2015 – La Terrazza Sul Lago – Pieve Santo Stefano (AR)

17 Dicembre 2015 – Nof Club – Firenze

14 Gennaio 2016 – Velvet Underground – Castiglion Fiorentino (AR)

CRNG è la sigla dietro cui si esbisce una giovanissima alternative rock band fiorentina dalla duplice anima, impulsiva e cruda da un lato, emotiva e malinconica dall’altro. La scelta del nome  può essere considerata un sotterfugio, una scappatoia per nascondere attraverso una sequenza di consonanti questa attitudine a sfuggire dalle facili classificazione mantenendo però una forte espressività.

La band  è arrivata al debutto dopo un percorso di ”542 giorni”, esattamente come il titolo dell’album, un percorso fatto di cambiamenti ed evoluzioni. L’ ep in free-download anticipa l’uscita dell’album ”542 Giorni” in arrivo in autunno.
Il lavoro è stato registrato interamente in presa diretta, prodotto ed arrangiato da Andrea Brodi e dalla stessa band.
“Non Hai Avuto Tempo” è il primo video della band, una storia che parla di adolescenza, in uno spaccato di tragicità ed intensità, nascosto dietro ad una melodia apparentemente facile.

Tracklist 1. Non Hai Avuto Tempo / 2. Vento / 3. Hipster Dixit / 4. Tu Sei Morto Dentro

Formazione: Francesco Lo Torto, Pier Paolo Giovacchini, Luca Patrussi, Andrea Brodi

Link: www.newmodellabel.com www.crng.it