Gasprazzo Bandabastarda presentano “Za’ Vov”, il nuovo singolo

Abruzzesi, pugliesi ed emiliani con base a Reggio Emilia e Bologna formano la Bandabastarda del non genere, che attinge dalle sonorità del mondo per confezionare brani personali dalle tinte forti e liquorose sperimentando con il reggae, la psichedelia, il punk-rock ed il world-folk sposate ad una estetica freak come nel caso del nuovo singolo Za’ Vov che si sposta passo svelto e barcollando dai Balcani al Messico passando per Italia e Cuba. Al lavoro per la release di un nuovo album di inediti in uscita a marzo 2019 la banda fondata da Alessandro Caporossi e Generoso Pierascenzi porta in studio di registrazione le fantasie più luminose dei Gasparazzo Bandabastarda già avvezzi alla contaminazione etno elettronica ascoltata nei dischi precedenti. Nel nuovo brano che anticipa l’uscita dell’album si ascolta la consolidazione della line up così le percussioni si intrecciano con i beat serrati di batteria, la tromba duetta con la chitarra elettrica di matrice psycho/surf mentre la voce saltella alticcia tra canto,sussurri e grida teatrali. A culmine del mescolone, la voce lirica di Stella Baraldi tinge la canzone di glam vampiresco. Il brano, citando la creazione di una nota bevanda alcolica all’uovo, celebra la comunione tra natura e uomo che esplode grazie alla potenza di una e l’estro creativo dell’altro.

Gasparazzo Bandabastarda

Alessandro Caporossi: voce, chitarra classica

Generoso Pierascenzi: chitarre, cori, campioni

Antonio Marzili: tromba, sax contralto, cori

Matteo Cimini: batteria

Riccardo Montipò: basso elettrico

Galileo Rigenerato: bongos, tambourine , timbales, woodblocks

Registrato e mixato da Gabriele Riccioni al Bunker Studio, Rubiera (Mo)

Masterizzato da Davide Barbi

Assistente in studio: Lorenzo Iori

Voce lirica femminile: Stella Baraldi

Registrazioni aggiuntive di Generoso Pierascenzi al Gioia Nomade Studio, Bologna

Artwork: Zichietto

Foto: Chiara Stefano

Videomaker: Oscar Serio

Booking: Makeadream

Web: https://www.gasparazzo.it/

Leave a Reply