Monthly Archives: January 2017

Cranchi – Spiegazioni Improbabili – il nuovo album dal 17 febbraio da New Model Label / In The Bottle Records

Cranchi - Speigazioni Improbabili - cover 1440

Link a video su Youtube: https://youtu.be/XZdh3izYLxM

Sabato 18 febbraio  2017 –    21:00 – Teatro Cotogni – Castelmassa (Ro)

Domenica 19 febbraio  2017 – 17:00 – Teatro Cotogni -Castelmassa (Ro)

Sabato 25 febbraio  2017  21:00 – Teatro All’Antica – Sabbioneta (Mn)

Domenica 26 febbraio 2017 – 20:30 – Km90 – Fidenza (Pr) – Acustico

Sabato 4 marzo 2017 – 22:00 – Pasteggio a Livello – San Felice sul Panaro (Mo)

Mercoledì 15 marzo 2017 – 21:00  – Sala Estense – Ferrara (Fe)

Sabato 18 marzo 2017 – 22:30 – Chinaski – Sermide (Mn)

Sabato 1 aprile 2017 -22:30 – Bahnhof – Montagnana (Pd)

Venerdì 7 aprile 2017 – 21:00 – La Confraternita dell’Uva – Bologna (Bo) Acustico

Sabato 15 aprile 2017 – 17:30 – Galleria ItinerArte- Venezia – set acustico

Lunedì 17 aprile 2017 – 17.00 – Fermata 23 – Camposanto (Mo) – Festival In The Bottle Records

Venerdì 29 maggio 2017 – ARCI Tom – Mantova Giovedì 1 giugno 2017 – Sala Civica – Villa Poma (MN)

Giovedì 22 giugno 2017 – Festa della Birra – Felonica (MN) – acustico

Venerdì 14 luglio 2017 – Rocca di Cento – Cento (Fe)

Sabato 15 luglio 2017 – Furiock – Moglia di Sermide (MN)

 

 

“Spiegazioni Improbabili” è il quarto disco di Cranchi, creatura artistica di Massimiliano Cranchi e della sua band, attualmente composta da Marco Degli Esposti (chitarre e voce), Simone Castaldelli (basso), Alessandro Gelli (violino), Fausto Negrelli (batteria) e Luca Zerbinati (tastiere). Un lavoro che rinnova il forte legame con la tradizione della canzone d’autore aggiungendo nuovi elementi lirici e paesaggi sonori con la struttura di un viaggio così come racconta Massimiliano Cranchi: “E’ difficile, forse impossibile, spiegare una vita, a volte risulta impossibile spiegarla pure a noi stessi. Le canzoni sono scelte, passaggi, incontri e scontri di questa vita”. Nell’album, dietro a storie apparentemente distanti, ha voluto parlare di se, della sua famiglia e delle persone a lui vicine.

Nonostante ci siano gli stessi musicisti coinvolti, “Spiegazioni Improbabili” è nato e si è sviluppato in maniera differente dai dischi che lo hanno preceduto come “Non Canto Per Cantare”, frutto di un’elaborazione collettiva, dove era forte il contributo di Marco Degli Esposti, autore o co-autore in diverse canzoni. I sette brani che compongono il disco sono stati sviluppati in studio con la collaborazione di Marco Malavasi che ne ha curato insieme a Cranchi la produzione artistica ed ognuno ha sonorità differenti, grazie anche alla presenza di ospiti.

Si parte da un viaggio non solamente fisico in “Spiegazioni improbabili sul metodo”, per approdare a una città, “Ferrara” intrisa di ricordi, proprio come quel soprannome “Malabrocca” che sa della fatica degli ultimi. “Anna” è il nome dietro a cui si nascose Bertha Pappenheim, scrittrice e giornalista austriaca, una persona tormentata, tra problemi mentali e grandi slanci artistici e culturali. “Anna” è il nome dove nascondere un amore vero non corrisposto che fugge via come i nonni di “Cinque mesi” che si sono amati così tanto da essere indivisibili. Di loro rimangono le filastrocche rappresentate da “L’amore è un treno”. Infine una convivenza in bilico tra la quotidianità e l’idealità dell’amore è lo spunto di “Fa un caldo che si muore”, in realtà il brano più pop di tutto il lavoro, anche questo costruito su un gioco di contrasti.

Discografia: Caramelle Cinesi (2011) / Volevamo Uccidere Il Re (2013) / Non Canto Per Cantare (2015) / Spiegazioni Improbabili (2017)

Link: www.cranchiband.com  http://newmodellabel.com

Louis DeCicco – Watermouth – l’album di debutto tra sonorità chitarristiche sperimentali e world music

8/2/2017 – solo live set @ Ofen Bar – Berlin
10/2/2017 – Album Release party @ Noize Fabrik – Berlin
18/2/2017 – RAUM fuer drastische massnahmen – Berlin
24/2/2017 – Officine XN – Roma
25/2/2017 – Escamotage – Casal Velino

“Nella lingua tedesca le parole Geschichte- Gedicht- Gesicht, pur avendo una comune assonanza posseggono tre significati distinti: storia, poesia, volto. Giocando un pò con questi significati ne ho ricavato che la storia è una poesia sul volto dell’uomo. 
La mia musica vuole seguire i passi di quest’ uomo, ne diventa a tratti l’ombra e ne immagina la storia per poi scomporla, mischiarla a quella di altri uomini” – (Louis De Cicco)

Watermouth è il primo cd solista di Louis DeCicco, registrato nel 2016 tra Berlino e le campagne di Benevento.
Le sue musiche prendono spunto da una considerazione su questi due modi diversi eppur complementari di vivere la solitudine.
Partendo da una matrice sperimentale che è sempre di natura interiore e concreta, l’artista prende in considerazione e reimpasta un background che và dalle melodie nordiche di Bert Jansch alle distese americane di Ry Cooder, passando per la musica gnawa e le ballads jazz.

Ogni strumento usato nel cd, dalla chitarra acustica al saz baglama, alla mbira,  è suonato in modo da schiudere un significato primitivo e ipnotico all’ascoltatore, stimolandone l’immaginazione e guidandolo attraverso un trip psichedelico.

Link: http://www.louisdecicco.com/

Bandcamp page https://louisdecicco.bandcamp.com/releases

Facebook https://www.facebook.com/bylouiseye/

YouTube channel https://www.youtube.com/channel/UCWB2tiaFntbk3m32AGquSIg

Instagram @louisdecicco

Twitter @Louis_decicco

IMG_6451 (1)

Gasparazzo Bandabastarda – Balla Pedro – il nuovo video, tra atmosfere latine e mariachi

I Gasparazzo Bandabastarda tornano con un nuovo singolo, un brano dalle atmosfere morbide e latine, con sonorità rigorosamente vintage, capace di scaldare anche con temperature sotto lo zero.

La canzone raccontata dalla band:

“E’ una chanson de geste alcoolique. Pedro ha l’ istinto nel sangue, è il primo che inizia a ballare, l’apripista, anche se qui lo scenario non ha a che fare con la disco né con la Siae, gli ingredienti sono sabbia, cerveza, chiar di luna e una chica dai movimenti intriganti stimolata al ballo dai mariachis. Siamo in Messico! Luogo prediletto per far muovere certi personaggi e mettere in scena sogni d’evasione di ogni tipo. Un mito sempre presente: dagli albori della musica leggera (Luis Mariano, gli originalissimi Franco e i G5) ai più gettonati e popolari Vasco Rossi, Rino Gaetano, nonché in uno spagnoleggiante Ivan Cattaneo primi anni ‘80. Un brano tracannato, scritto a quattro mani davanti a più bottiglie per padroneggiare meglio la lingua, quella propria e quella altrui; infatti abbiamo volutamente mischiato un italiano esuberante con uno spagnolo maccheronico e improvvisato, ne esce fuori una scrittura travasata, travisata, da “borracho d’ amor”. Le sonorità della canzone sono volutamente antiche. Si è voluto fare un esperimento live quasi integralista, il brano è stato registrato al Teatro Vittoria di Pennabilli (prov. di Rimini) come prima track dell’album “Forastico”. L’abbiamo suonata di mattina presto quindi anche l’intenzione è morbida, agitata ma sorniona, di avvicinamento, quasi carezzevole, la punta prima dell’agguato. Chitarra Guild Starfire ed amplificatore Farfisa sono rigorosamente anni ’60, contrabbasso e batteria con le spazzole fanno il resto.”

Link: www.gasparazzo.it

www.newmodellabel.com

www.makeadream.it

Davide Solfrini – “Véstiti Male” – dal 27 gennaio 2017 in CD e digitale da New Model Label

davide1-smll

Nuovo disco per Davide Solfrini, cantautore che vive tra la Romagna e le Marche, una raccolta di sei brani in cui prosegue il suo poetico viaggio dalle sonorità rock/ wave nella canzone d’autore italiana. Si parla ancora di un mondo cinico e tutt’altro che amorevole, dove i personaggi mostrano tutti i lati più spigolosi della loro umanità.
Il mondo di Solfrini infatti non fa sconti a nessuno, tanto meno all’autore stesso quando parla in prima persona. Il cantautore infatti non si pone su un piedistallo al di sopra degli altri ma mostra al mondo le stesse debolezze di chiunque e sembra addirittura andarne fiero. Ormai la salvezza, o qualcosa di simile, è possibile solo in una fuga metaforica ed interiore dove si riesce a trovare un po’ di quell’umanità e di quei sentimenti altrove nascosti (“Un Giorno Piove”). 

“Portiere Notturno” apre il disco in maniera decisa, è uno sguardo sul mondo del lavoro e sulla vita al ribasso dei giorni nostri, una ripresa in soggettiva e claustrofobica. Vi ricordate il primissimo Fantozzi quando, dopo aver letto “Il Capitale”, solleva la testa dal libro ed esclama “Ma allora non è vero che mi fanno lavorare perché sono buoni!”? Oggi il ragioniere dovrebbe avere più paura che mai ad esclamare una cosa del genere, anche perché la protagonista del brano è terribilmente convinta del contrario.
Ma la padrona dell’albergo di “Portiere Notturno” è solo la prima delle voci che si accaniscono a gridare la loro; “Cose Buone” è un rimprovero interiore in una mattina prima di andare al lavoro, mentre in “Vèstiti Male” l’intero sistema diventa naìf e privo di senso e la rabbia diventa divertente e scanzonata. In “Una Volta Ero Un Uomo Diverso” si ritorna sempre a fare piccoli ma mai scontati bilanci interiori in chiave pop e malinconica.
La ricchezza dei testi è accompagnata da una diversa cura negli arrangiamenti dove, insieme alle chitarre in stile R.E.M. e Smiths (ormai un marchio di fabbrica del nostro) compaiono inserti di elettronica, synth e archi. il disco è stato realizzato con la collaborazione di Cristian Bonato (co-produzione, registrazione, mixaggio, Farfisa su “Portiere Notturno” e Juno-6 su “Un Giorno Piove”), poi c’è l’impeccabile batteria di Tommy Graziani e gli archi di Federico Mecozzi su “Un giorno piove” mentre il mastering è opera di Giovanni Versari.

Tracklist: 1. Portiere Notturno / 2. Cose Buone / 3. Un Giorno Piove / 4. Vèstiti Male / 5. Alto Mare / 6. Una Volta Ero Un Uomo Diverso