Monthly Archives: February 2015

Cranchi – “L’Isola Infelice” – il video ed i prossimi concerti


Il video tratto dall’album “Non Canto Per Cantare”, pubblicato da In The Bottle Records e New Model Label, disponibile in Vinile, CD ed in tutti gli store digitali – distribuzione Audioglobe

Diretto da Giovanni Tutti con Giulia Roversi, Matteo Zibordi, Gianni Ribola-

www.cranchiband.com www.inthebottlerecords.com www.newmodellabel.com

Tour:
14 Febbraio 2015 – Teatro Cotogni – Castelmassa (Ro) [tutto esaurito – sold out]
21 Febbraio 2015 – Teatro Antico – Sabbioneta (Mn)
22 Febbraio 2015 – Nero Café – Castelmassa (Ro)
28 Febbario 2015 – Banhof – Montagnana (Pd)
14 Marzo 2015 – ARCI Chinaski – Sermide (Mn) con Marco Iacampo
28 Marzo 2015 – Bar Pub Agorà – Finale Emilia (Mo)
1 Aprile 2015 – Borgoleoni 18 – Ferrara
12 Aprile 2015 – Circolo Arci La Scighera – Milano
25 Aprile 2015 – tba – Mantova
31 Maggio 2015 – Festival Grano Rosso Sangue – Scortichino (Fe)

Kali – “La Libido Del Lunedì” – in vinile e digital download

Kali-Vinile-12-Cover-Trax.indd

Kali  – “La Libido Del Lunedì”
 l’album di debutto dal 3 Marzo in Vinile e Digital Download da New Model Label

“Come se Marlene Dietrich facesse crowd surfing…”

Tour:

7 Febbraio 2015 – Big Lebovski – Novara

18 Febbraio 2015 – 75 Beat – Milano

19 Febbraio 2015- Circolo Arci Amantes – Torino

20 Febbraio 2015 – Loggia Del Leopardo – Vogogna – Domodossola

21 Febbraio 2015 – Smart Lab – Vercelli

13 Marzo 2015 – Casa Azul – Follonica (Gr)

14 Marzo 2015 – 45 Giri Live – Giulianova (Tr)

20 Marzo 2015 – Ferro 3 – Scafati (Salerno)

21 Marzo 2015 – Blue Dahlia – Marina Di Gioiosa Jonica (Rc)

11 Aprile 2015 – Taverna Del Barton – Grignasco

21 Aprile 2015 – Fuoritema – Urbino

Viventi, formazione attuale attiva da più di 365 giorni, live lungo tutto lo stivale, e “La Libido del Lunedì” come titolo del primo album. Oggi con una nuova e diversa consapevolezza partono per un viaggio diverso,  come se Marlene Dietrich facesse crowd surfing.

Personaggi reali ma legati indissolubilmente ai racconti di Crepax ma anche di Murakami e Kerouac. Il Piemonte come terra natale e il cielo grigio come costanza, il vino rosso per andare avanti. Il gruppo ha all’attivo un ep “Canzonette per Narcisi Isterici” (stampato in vinile rosso a 45 giri) contenente quattro brani di tutt’altra natura, registrato nel 2012 ed un video-ep live, quasi un esperimento, “Darkroom Session” disponibile su Youtube.

L’album è stato registrato nel Luglio del 2014 all’Alpha Dept di Castel Maggiore (Bologna) da Andrea Suriani già a lavoro con M+A, Gazebo Penguins, i Cani, BSBE.

Il disco contiene nove tracce nate e rinate in circa nove mesi e partorite con la necessità di dare ma anche di regalarsi un palpito, che segna un preciso istante, a cosa o per cosa servirà non importa, l’importante è averlo fermato.

All’interno brani più viscerali e istintivi come “Essex Blues” e “Mantra” nati con una jam in sala prove e che parlano più di noia e di provincia, parlano più di lunedì…

“Sputnik 2, la cagnetta Laika” è l’ultimo brano ad esser stato scritto qualche mese prima di entrare in studio, e qui la band ha voluto comunicare più con “evocazioni” sonore che con le parole forse anche per enfatizzare di più quelle presenti. Infatti proprio all’interno di quest’ultimo brano sono presenti delle registrazioni di una cassetta registrata nel 1973 dal nonno della cantante durante una “cantada” (La “Cantada sarda campidanesa” è una delle più antiche espressioni della poesia popolare sarda, sono gare poetiche estemporanee) e magistralmente inserite all’interno del brano da Bienoise, uno dei due italiani presenti al Redbull Music Academy di Tokyo nel 2014.

“’Tina” ovver un omaggio a Valentina di Crepax, una canzone, da interpretare un po’ alla “Ma Quale Idea” di  Pino D’Angiò,  un po’ “Giorgio by Moroder” dei Daft Punk ma con un testo che è quasi un sermone, da qui l’idea di scriverlo in inglese e farlo interpretare anzi recitare da una voce maschile, Ray Heffernan, così da poter dare il giusto peso a quelle parole ma al contempo separarle dalla musica per farle risaltare entrambe. “ Le Petit Chaperon Rouge” è invece la storia di una cappuccetto rosso in una Milano di questi anni ’10 mentre “Lato A”, “Roma” e “Marlene” sono i brani con liriche che parlano più di libido . Infine, “La Tabaccaia” è un brano surreale, l’idea nasce un po’ Maria Antonietta Beluzzi in Amarcord di Fellini ed il risultato non poteva essere altrimenti.

Tracklist:1. Essex Blues / 2. La Tabaccaia / 3. Lato A / 4. Le Petit Chaperon Rouge / 5. Mantra / 6. Marlene / 7. Roma / 8. Sputnik 2 La Cagnetta Laika / 9. Tina

Formazione: Federica Folino G. – voce e synth / Fabio Pastore – chitarre / Luca Sacco – basso / Max Ferraro – batteria

Kali-2015

Davide Solfrini – “Luna Park” – il video e prossimi live

Davide Solfrini -“Luna Park” – l’album in CD ed in tutti gli store digitali da New Model Label

Prossimi appuntamenti live:

27 Febbraio 2015 – Conestoga – Mestre (VE)
6 Marzo 2015 – Chinaski – Trento
8 Marzo 2015 – Interno 12 – Padova
13 Marzo 2015 – The Pirate Pub – Cattolica (RN) -Davide Solfrini & Haight Ashboury
20 Marzo 2015 – Medelin’s Strange Cafè – Medelana (Fe)
17 Aprile 2015 – Teatro Del Sale – Firenze


Davide Solfrini presenta “Luna Park”, il secondo singolo estratto dal nuovo album che ha lo stesso titolo.
Il brano ci riporta in un Novembre della prima metà degli anni ’90, periferia di una località balneare adriatica, ma  le spiagge affollate dai turisti sembrano lontane anni luce. Sul fango del prato che separa un supermercato dal campo sportivo arriva il luna park, ovvero, l’evento per i preadolescenti di allora, tra strobo, autoscontri, giostrai sdentati, Air Max, Vespe ed Ape Car truccati, pacchetti di sigarette da 10, una ragazza distante…

“Luna Park” è un brano in parte tratto e in parte ispirato da un testo del 2002 del poeta contemporaneo Emiliano Michelini. Il video è stato girato in un luogo a poche centinaia di metri dal posto dove venti anni fa si verificava “l’evento” ispiratore di questa prosa, mentre il sound del brano è evidentemente ispirato al sound del decennio precedente a quello degli episodi narrati nella lirica. Batteria campionata a metà strada tra la dance e la wave dei New Order e chitarre elettriche intrise di chorus e flanger in omaggio ai migliori Cure.

Link: www.davidesolfrini.it www.newmodellabel.com