New Model Label’s catalogue is distributed by Audioglobe.

New Model Label on FB

Deluded By Lesbians – “Fotoromanzi” ed il video di “Felicità”


Deluded By Lesbians – Fotoromanzi – l’album “da matrimonio” con i classici della canzone d’amore italiana in chiave hard rock/punk
dal 26 Febbraio 2016 – New Model Label in CD in edizione limitata e digitale
“Felicità” – il video e singolo – dal 5 Febbraio 2016
Video su Youtube: https://youtu.be/KxwvD53l9Gw

Sin dagli esordi, l’amore è stato una delle tematiche principali dell’immaginario dei Deluded By Lesbians, spesso sbeffeggiato o vissuto dalla parte di chi fa fatica a trovarlo se non in miseri scampoli della propria esistenza. Da Italiani, l’amore è nel DNA di tutti e soprattutto nella nostra canzone d’autore, e da sempre domina le frequenze delle radio nostrane e le melodie canticchiate dalle nostre mamme e sorelle.
Con queste premesse arriva nel 2016 “Fotoromanzi”, da un invito a suonare ad un matrimonio e la necessità di confrontarsi con i classiconi italiani che ancora oggi ci invidiano in Russia e in tutta l’Europa dell’Est.
Gli artisti “vittime” del trattamento dei Deluded By Lesbians sono alcuni dei nomi più noti della canzone italiana, da Gianna Nannini con “Fotoromanza” a Little Tony, con “Cuore Matto”, a Albano e Romina Power con “Felicità”, presentata in anteprima allo stadio di Reggio Emilia, nell’intervallo della partita di Serie A Sassuolo – Roma, nell’Aprile del 2015, evento che è stato filmato e costituisce il corpo del primo video estratto dal disco. Nel disco trovano spazio anche classici come “Parlami D’Amore Mariù”, “Il Cielo In Una Stanza” o “Nel Blu Dipinto Di Blu” ma anche per brani più recenti, come “Serenata Rap”, “Vacanze Romane” o “Se Tu Non Torni” di Miguel Bosè.
Laura O’Clock, Federica Knox e Lara Brixen, questi i nomi dietro cui si nasconde il trio, si alternano alle voci e scambiandosi spesso strumenti e nei loro spettacoli sono soliti indossare buffi costumi di scena mentre interagiscono con il pubblico rendendo indimenticabile l’esperienza dal vivo.
“Fotoromanzi” sarà disponibile dal 29 gennaio su tutti gli store digitali e streaming e in edizione limitata in CD con incluso il fotoromanzo dei Deluded By Lesbians. Il disco segue l’esordio “The Revolution Of Species” del 2010 e il doppio disco “Heavy Medal” uscito nel 2013.

Tracklist: 1. Fotoromanza / 2. Cuore Matto / 3. Felicità / 4. Il Cielo In Una Stanza / 5. Parlami D’Amore Mariù / 6. Serenata Rap / 7. Vacanze Romane / 8. Nel Blu Dipinto Di Blu / 9. Se Tu Non Torni

Link: www.newmodellabel.com

FELICITA COVER 1440

Gasparazzo Bandabastarda – Forastico, il nuovo album tra folk, punk, radici abruzzesi e world music e le nuove date del tour 2016

Gasparazzo Bandabastarda – Forastico, il nuovo album tra folk, punk, radici abruzzesi e world music e le nuove date del tour 2016
Album disponibile in CD e digitale dal 19 Febbraio 2016
“Vito Il Pistolero” – il video ed il singolo dal 29 Gennaio 2016

Anteprima “Forastico Tour”:

Giovedì 18 Febbraio 2016 – Il Cantuccio – Piobbico (PU)

Venerdì 19 Febbraio 2016 – Vico Degli Artisti – Vasto (CH)

Sabato 20 Febbraio 2016 – Baratto – S. Atto (TE)

Domenica 21 Febbraio 2106 – Geleo  – Morrovalle (MC) 

Venerdì 26 Febbraio 2016 – Sedel – Sedel (Switzerland) 

Sabato 27 Febbraio 2016 – TBA – Mannheim (Germany)

Sabato 12 Marzo 2016 – San Marino Cafè – Casal Borsetti (RA)

Domenica 13 Marzo 2016 – Red Mosquito – Scandiano (RE)

Un nuovo lavoro, registrato in presa diretta da Franco Fucili al Teatro Vittoria di Pennabilli, in Alta Valmarecchia, in provincia di Rimini ed è il sesto album ufficiale della formazione emiliana con radici abruzzesi. Il disco nasce da due anni in tour per promuovere il precedente lavoro, Mo’ Mo‘ e dalla voglia di riprodurre le sensazioni e le sonorità del live. Un album in cui gli strumenti acustici come la fisarmonica, batteria e contrabbasso hanno una parte centrale e si uniscono invece a chitarre elettriche dalle sonorità vintage. La scaletta del disco pesca dal repertorio della band, alcuni brani rodatissimi dal vivo come Maestro Del Tajine, Mesci Do Tazz e Rulla Nu Truzz ma anche episodi più recenti come Fondaco, con l’aggiunta di quattro inediti. Un aspetto centrale è la scelta del dialetto abruzzese in 4 brani, che si ricollega al significato, apparentemente misterioso del titolo, di seguito spiegato dalla band.

“Forastico è il punto giusto, il termine che andavamo cercando per “catalogare” questo nostro ultimo lavoro. Ce lo sentiamo, è il nostro dna, sin dal principio. Gasparazzo è forastico. In una indagine nostra approssimativa e curiosa abbiamo notato come il termine, nella storia della lingua italiana, vada coprendo una fascia d’ Italia che dall’ Abruzzo, attraversando i monti, porta alla capitale; e con un pizzico di suggestione, di magia voluta, è come se a Roma il termine l’ avesse portato “il forestiero”, il paesano abruzzese. O meglio, è come se indicasse l’ indole stessa di questo “corpo estraneo”. Vengono alla mente un paio di apparizioni del termine, per esempio senza entrare nei dettagli, nei sonetti di Giuseppe Gioacchino Belli, in quell’arretrata Roma papale ottocentesca più volte il poeta ricorre al termine “forastico”. Oppure nel film “Brutti, sporchi e cattivi” di Ettore Scola, in quei “vivi” anni ’70 di baracche e borgate romane c’è una sequenza nella quale Iside (Maria Luisa Santella), la tettona amante di Giacinto (Nino Manfredi), riferendosi all’ ingombrante parentela di quest’ ultimo dice “Non so’ cattivi, so’ forastici” (non a caso nei dialoghi c’è lo zampino di Sergio Citti). Sin da bambini si viene messi in guardia dai pericoli, può essere il fuoco, l’ acqua bollente, così come la gatta, nata in cattività, è “forastica”, perché imprevedibile. Allo stesso modo forastico è Lu Lupe che andiamo cantando, così come le vicissitudini di Mustafà il maghrebino ne Il maestro del Tajine che litiga con il maiale colpevole di avergli rovinato il permesso di soggiorno afferrandogli coi denti il portafoglio. Addirittura in Gasparazzo 3D il forastico va cambiando pelle e attraversa la Storia e lo stivale: dalla Sicilia preunitaria dove si dà alla macchia perché carbonaro rivoluzionario, il protagonista riappare in fabbrica in pieno boom economico nelle vesti di inquieto operaio alla catena di montaggio (qui il nostro omaggio va al disegnatore Roberto Zamarin, autore della striscia-fumetto di Gasparazzo nella rivista “Lotta Continua”), infine rieccolo ai giorni nostri nelle vesti di suonatore (Noi) di storie di umili eroi rubate ai libri più belli, “facce storte” e verità scomode: perché “nella storia dei tempi un ribelle ci sarà sempre”. A modo suo anche Sand’Andonije è forastico, così vogliamo immaginarcelo avendo lui a che fare tutti i giorni con le bestie (e in primis con il maiale come Mustafà). Così come può essere forastico il sapore in un antico piatto farcito di campagna e faticoso lavoro (Lu Magge) o un odore d’ evasione, un’ essenza da condividere in compagnia (Mesci do tazz e rulla nu truzz) o un tanfo di cantina misto a sudore ed energia (Fondaco). Forastici sono alcuni nostri personaggi decisamente sopra le righe come Vito il pistolero, lunatico cameriere letterario o Balla Pedro ubriaco d’ amor, sognatore a piedi nudi in un lontano Messico.”

Formazione: Alessandro Caporossi, voce e chitarra classica – Generoso Pierascenzi, voce e chitarre – Giancarlo Corcillo, fisarmonica – Roberto Salario, contrabbasso – Matteo Cimini, batteria

Tracklist: 1. Gasprazzo 3D – 2. Balla Pedro – 3. Vito Il Pistolero – 4. Mesci Do Tazz E Rulla Nu Truzz – 5. Fondaco – 6. Sandandonje (tradizionale) – 7.Lu Magge – 8. Il Maestro Del Tajine – 9. Lu Lupe

Discografia: Tiro Di Classe (2007, Terra Calda – dist. Self) – Fonostorie (2010, Gasparazzo – dist. Goodfellas) – Obiettivo Sensibile (2012, Autonomix – dist. Venus) – Esiste Chi Resiste (2014, New Model Label – dist. Audioglobe) – Mo’ Mo (2014, New Model Label -dist. Audioglobe) – Forastico (2016, New Model Label)

Link: www.gasparazzo.it
Etichetta: www.newmodellabel.com
Booking: www.makeadream.it

Foto Ufficiale GASPARAZZO_Smll

Pivirama – War – Il video/documento del progetto musicale di Raffaella Daino.

Pivirama – War – Il video/documento del progetto musicale di Raffaella Daino. Un racconto denuncia di una strage senza fine, quella delle migliaia di profughi  annegati nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere l’Europa.

Link a video su Youtube: https://youtu.be/VRuaPTi3r8M
“War” è un brano tratto da “Fantasy Lane”, terzo album di Pivirama, creatura musicale di Raffaella Daino, pubblicato da New Model Label nel 2013. Da allora Raffaella, nella vita reporter e inviata di Skytg24, si è trovata a raccontare innumerevoli vicende legate al dramma dell’immigrazione, dalle condizioni dei profughi nei centri di accoglienza – spesso più simili a centri di detenzione – alle tante tragedie del mare costate la vita nel Mediterraneo, negli ultimi due anni, a 8000 persone.  Dice Raffaella: Più che un videoclip “War – the children really die” è una video testimonianza che sintetizza i miei due modi di vedere e descrivere il mondo, attraverso la scrittura musicale e quella giornalistica. In questo caso un naufragio, il più grave mai avvenuto vicino alle coste italiane, quello del 3 ottobre 2013 a Lampedusa. Le vittime furono 368. Ai sopravvissuti venne negato il consenso a dare l’ultimo saluto ai loro cari morti in mare, e così un giorno decisero di sfondare i cancelli del Cpa che li tratteneva, raccolsero i fiori trovati lungo il tragitto verso la costa e raggiunsero gli scogli di fronte a quel mare che aveva inghiottito fratelli e figli, per il loro  funerale privato. Io ero lì quel giorno, e avevo con me la mia piccola telecamera. E ho deciso di raccontarlo così, con le parole del pezzo War.  “Quando gli adulti giocano alla guerra, i bambini muoiono davvero. Scegliete da che parte stare, da quella di chi è colpevole, o dalla parte dei bambini”. Il montaggio è di Raffaella Daino, voce & chitarra, testi & musiche dei Pivirama. Alcune delle immagini presenti nel video sono state concesse da Skytg24.

Hanno suonato in War: Raffaella Daino, voce e chitarra. / Pietro Mammone, basso e cori / Renz, tastiere e synth/ Patrick Rotolo, chitarre / Fabrizio Vivarelli, synth finale / Produzione artistica:  Tony Truncali.

Il video verrà utilizzato per una campagna di sensibilizzazione del “Comitato 3 ottobre”, associazione nata per proteggere i sopravvissuti a quel naufragio, che da anni lotta perché vengano istituiti corridoi umanitari che permettano ai profughi, costretti ad abbandonare i loro Paesi in guerra, di raggiungere l’Europa senza rischiare di morire in mare, evitando di finire nella mani di trafficanti senza scrupoli.  “Proteggere le persone e non i confini.”

Link: http://pivirama.blogspot.com
www.newmodellabel.com

Sito web Comitato 3 Ottobre: http://www.comitatotreottobre.it/

Kali – “Sputnik2 – La Cagnetta Laika” il nuovo video con la partecipazione di Bienoise


Il singolo è contenuto in “La Libido Del Lunedì”, edito per la New Model Label
primo lavoro in studio del gruppo, un album dai forti riferimenti letterari e cinematografici con personaggi strani e visionari che vengono accompagnati da una musica fuori dagli schemi, tra sonorità alternative rock e new wave ed inserti di elettronica.

Il video, realizzato da Valeria Belloro (già a lavoro con Il Disordine delle Cose), è un’animazione onirica e sognante di un brano che contiene un frammento audio di una cassetta registrata nel 1973 dal nonno di Federica (cantante della band) durante una “cantada”, ovvero una delle più antiche espressioni della poesia popolare sarda.

Kali è parte di C.A.O.S. collettivo artistico solidale orizzontale

(re)offender – Down For A While – il nuovo video e singolo tra sonorità dark wave e shoegaze

(re)offender – Down for a While

Il nuovo singolo e video: https://www.youtube.com/watch?v=cK4oupmbp7s

“If the light will be livid as the day all my dreams were laid down for a while”

La band di Frosinone torna con un nuovo video tratto dall’omonimo EP pubblicato agli inizi del 2015 da New Model Label e disponibile in CD ed in tutti gli stores digitali, registrato da Paolo Rossi già al lavoro con Soviet Soviet, Be Forest e molti altri allo Studio Waves di Pesaro e al momento i (re)offender sono al lavoro sul nuovo album in uscita nel 2016.
Il video viene così raccontato dalla band: “Una figura oscura si sveglia quando ci addormentiamo, dal nero della memoria si insinua nella nostra coscienza, è incontrollabile. Divora e ingoia tutto quello che ha valore: rende insensato il tempo che abbiamo vissuto e frammenta l’io; quando ci svegliamo continua a vivere e a crescere. Ora dopo ora emerge l’incubo dell’eterno ripetersi delle giornate nel degrado, nell’inerzia e nell’appiattimento culturale; la dimensione soggettiva, come nella tecnica di ripresa, diventa spersonalizzata, come se tutti gli occhi fossero in grado di vedere soltanto le stesse immagini, la stessa natura, quasi coperti da un filtro claustrofobico. Il video vuole essere anche una celebrazione della vita, un incoraggiamento a vivere ogni giornata anche se è uguale alle altre, ad avere qualcosa da rimpiangere o da perdere, a cercare forme di espressione in una quotidianità anestetica e culturalmente compromessa come quella di provincia.”

Link: www.newmodellabel.comwww.facebook.com/reoffenderofficial

Deluded By Lesbians – Christmas Balls – il singolo di Natale


Deluded By Lesbians – Christmas Balls – il singolo di Natale e “Fotoromanzi – L’amore ai tempi dei Deluded By Lesbians”,
l’album “da matrimonio” in uscita il 29 Gennaio 2016 – in CD e digitale da New Model Label
Il video: https://www.youtube.com/watch?v=_I2tXJPu29E&feature=youtu.be

Lara Brixen, Laura O’Clock e Federica Knox, questi i tre nomi dei membri della band, indossano questa volta i panni del personaggio più amato dai bambini, Babbo Natale, per eseguire “Christmas Balls” una riedizione in tema natalizio di “Crystal Balls”, brano presente nel loro album di esordio “The Revolution Of Species” pubblicato nel 2010 da New Model Label.
Da allora la band ha percorso molti chilometri, si è esibita due volte allo Sziget Festival e poi ancora al Miami Festival, al padiglione ungherese dell’Expo, a bordo di tram in giro per Milano ed allo stadio di Reggio Emilia, nell’intervallo di Sassuolo – Roma, con ovvi cori ed insulti. Questo giusto per citare alcuni dei concerti più singolari, mentre nel 2013 ha pubblicato il doppio album “Heavy Medal”, in versione inglese ed italiana ed il 7″ in edizione limitata in cui la band riprendeva “Cicale” di Heather Parisi, accompagnato da un video con tutine fluo e coreografie, come vuole lo stile degli anni ‘80.
Da un invito a suonare ad una festa di matrimonio (con conseguente repertorio di classici italiani) nasce infine “Fotoromanzi: L’amore ai tempi dei Deluded By Lesbians” che sarà pubblicato in CD e digitale da New Model Label il 29 Gennaio 2016, in cui la band passa con disinvoltura da Albano a Jovanotti, da Gianna Nannini e Little Tony a Miguel Bosè, sfidando a colpi di rock dissacrante ed ignorante i mostri sacri della musica leggera italiana.

Link: www.newmodellabel.com
www.tikkamusic.org

Le Mosche – “Boa Viagem Capitão” tra canzone d’autore ed influenze mediterranee – dal 20 Novembre 2015 – in CD e Digitale

Le Mosche_copertina_600

Concerto di presentazione: Sabato 14 Novembre
Notturno Sud @ Caffè Letterario
Via Del Borgo Di San Pietro 123/G Bologna
ingresso: 3 Euro tessera associativa serale 1 euro diritto consumazione – Inizio: 20.30

“Boa Viagem Capitão” è l’album di esordio ufficiale de Le Mosche, formazione che nasce a Bologna all’insegna della contaminazione tra canzone d’autore, influenze jazz e tradizione popolare dell’Italia meridionale. Il disco è un inno al viaggio ed alle sue molteplici sfumature: il viaggio come morte e rinascita, il viaggio come ricerca di avventura, il viaggio necessario di chi cerca di sopravvivere o di chi cerca la pace. L’artwork è dedicato alla figura di Salgueiro Maia, l’eroe della rivoluzione pacifica dei garofani che ha portato alla destituzione del regime dittatoriale in Portogallo nel 1974. Nel corso dell’album Le Mosche giocano la carta della contaminazione, dal cantato in lingua francese de “L’Aviateur” ispirato alla fuga dalla guerra di una donna algerina, a “Santa Lucia” che esplora un altro tipo di viaggio, ovvero il percorso di una persona che decide di cambiare sesso. C’è spazio poi per un brano della tradizione popolare pugliese, “La Rondinella” ed ancora un esperimento in dialetto brindisino, “Nui”, cantato da Claudia De Candia. Nel corso del disco e dei loro live, Le Mosche cambiano spesso scenari sonori e strumentazione, alternando chitarre elettriche ed acustiche a tamburi a cornice, sax (contralto e soprano), organetto, bouzouki, basso elettrico ed, ovviamente la voce, principalmente ad opera di Giampiero Lupo, artista brindisino, autore anche di musiche e testi e produttore dell’album. Il tema del mare spesso ricorre e lo troviamo anche in “La Vertigine Azzurra”, dedicata a chi affronta il mare per scappare da guerra e fame e che nel mare trova pace perdendo purtroppo la vita, mentre il disco è chiuso dalla voce narrante di Simona Sagone, la stessa posta in apertura, con le parole di “Boa Viagem Capitão (Outro)”, scritte con la volontà di instillare nuova speranza a tutti i viaggiatori di domani.

Tracklist: 1. Boa Viagem Capitão (intro) – 2. L’Aviateur – 3. Santa Lucia – 4. Una Mattina – 5. Renata – 6. La Rondinella – 7- Nui – 8. Ritorni – 9. La Vertigine Azzurra – 10. Boa Viagem Capitão (Outro)

Le Mosche sono Giampiero Lupo alla voce, synth, chitarra elettrica, chitarra acustica, organetto e loops, Mirco Mungari al clarinetto, saz, bouzouki, oud, tamburi a cornice e friscaletto, Giovanna Merico al sax soprano, sax contralto e percussioni, Lorenzo Mattei al basso e darbuka.

Link: www.lemosche.com – www.newmodellabel.com – www.tikkamusic.org

CRNG – 542 Giorni – l’album da oggi in CD e digitale

I CRNG presentano il loro album di debutto, “542 Giorni”, pubblicato in cd ed in tutti gli store digitali da New Model Label e disponibile dal 30 Ottobre 2015. Il titolo rappresenta il tempo impiegato dalla giovane band fiorentina per realizzare il proprio lavoro, un tempo lungo, ma necessario per la giusta cura di ogni dettaglio; periodo che li ha visti impegnati anche nella campagna di crowd-founding realizzata con Musicraiser per finanziare l’intero prodotto. La musica dei CRNG parte da una matrice alternative rock su cui si innestano i testi, rigorosamente in italiano, a volte poetici a volte taglienti. I contrasti sanno essere uno degli elementi chiave della band formata da Francesco Lo Torto, voce e chitarre, Pier Paolo Giovacchini, chitarre, Luca Patrussi, batteria, ed infine, Andrea Brodi al basso e synth, produttore artistico dell’album registrato volutamente in presa diretta.

www.crng.it
www.newmodellabel.com

Prossimi Live:

5 Novembre 2015 – Combo Social Club – Firenze – concerto di presentazione

14 Novembre 2015 – Opificio – Umbertide (Pg)

21 Novembre 2015 – Tesla Science Bar – Montelupo Fiorentino

28 Novembre 2015 – Wip Club – Terranuova Bracciolini (AR)

11 Dicembre 2015 – 4Rooms – Prato

12 Dicembre 2015 – La Terrazza Sul Lago – Pieve Santo Stefano (AR)

17 Dicembre 2015 – Nof Club – Firenze

14 Gennaio 2016 – Velvet Underground – Castiglion Fiorentino (AR)

22 Gennaio 2016 – Jump Rock – Empoli (Fi)

29 Gennaio 2016 – Tortuga – Poggibonsi (Si)

Friedrich Canè & Giacomo Marighelli – Del Movimento Dei Cieli – il concept album tra elettronica e sperimentazione – dal 27 Novembre 2015 in tutti gli store digitali e in CD

Del movimento dei cieli 600

“Del Movimento Dei Cieli” è il frutto dell’incontro tra Friedrich Cané, musicista elettronico e produttore, e Giacamo Marighelli, artista poliedrico, con diversi album all’attivo, a proprio nome, come Margaret Lee e nel progetto Vuoto Pneumatico.
Un album complesso, 14 tracce, non solo un concept.
Una storia d’amore, la sua evoluzione, la sua fine ed in parallelo universi che si aprono, in un continuo passare tra il micro ed il macro, una vera e propria cosmogonia, in cui il punto di partenza iniziale, diviene lo spunto per un racconto universale.
Chiave di interpretazione, ma non unico riferimento, sono i Tarocchi, che compaiono più volte nel racconto e che Giacomo Marighelli studia e pratica da tempo.
Astronomia, astrologia, scienza, filosofia, spiritualità e musica fuse in un continuo, una pratica che sembra essere abbandonata dai più, come una trovata eccentrica, mentre dimentichiamo che per tutta la storia dell’umanità non c’è stata distinzione tra queste discipline se non, nella società occidentale, negli ultimi secoli.
La forza del tema non deve fare però dimenticare l’aspetto musicale, la ricerca tra trip-hop, electro-rock, classica contemporanea ed incursioni sperimentali.
La realizzazione di questo progetto è stata possibile anche grazie ad una campagna di crowdfunding ed al supporto dei fan: http://www.musicraiser.com/it/projects/4015-del-movimento-dei-cieli

L’Incontro, raccontato da Giacomo Marighelli

Era già durante la stesura del terzo album di Margaret Lee nel 2012 che pensavo mi sarebbe piaciuto fare un disco elettronica. Poi nel 2013 l’amicizia con Friedrich Cané si è rafforzata con la collaborazione per il gruppo Vuoto Pneumatico. In realtà è stata un po’ una casualità (anche se secondo me il caso non esiste), e nell’agosto del 2014 ho concesso a Friedrich la possibilità di andare a vivere in un rudere in campagna posseduto dai miei genitori: senza acqua potabile, insetti di ogni tipologia, tante stelle in cielo e una atmosfera totalmente magica. Lui componeva durante la giornata, io alla sera lo raggiungevo, lui mi parlava del titolo della canzone che aveva registrato o abbozzato durante la giornata; lui assieme alla canzone decideva già un titolo, e dal titolo io partivo col testo mettendomi fuori all’aperto ascoltando la musica a volumi altissimi provenire dall’interno. In neanche due settimane avevamo composto i brani dell’album. Devo dire che tutte le voci provino che registravo direttamente a fine serata erano piene di pathos, è stato difficilissimo scartarle e registrarle di nuovo, solo con la canzone Zenith non ho osato: ho voluto tenere la voce provino, troppo emotiva rispetto al momento presente che stavo vivendo.

Friedrich si è totalmente dedicato alla parte musicale. Io ancora non lo conoscevo da quel punto di vista, ma ho sentito una grande fiducia nei suoi confronti, volevo lasciargli totalmente carta bianca, nonostante in ogni disco che ho realizzato mi sia trovato nei panni del compositore; questa volta non ho voluto intaccare la parte musicale.
Tracklist: 1. Nadir – 2. Il motore immobile – 3. Il demiurgo sulla soglia del tempo – 4. Elementi in divenire – 5. Azimuth – 6. Idrodinamica – 7. Fotosintesi – 8. Infinite forme – 9. Dybbuk – 10. Almucantarat – 11. Satellite – 12. Ardesia – 13. Icosaedro – 14. Zenith


Discografia:
2009 | Margaret Lee presenta: E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce
2012 | Margaret Lee presenta: La ballata di Belzebù
2012 | Giacomo Marighelli – L’ultimo spenga la luce
2013 | Margaret Lee presenta: Giacomo Marighelli
2014 | Giacomo Marighelli – Metempsychosis
2014 | Vuoto Pneumatico (Gianni Venturi & Giacomo Marighelli) – Vuoto Pneumatico
2014 | Giacomo Marighelli – La Ragazza Invisibile
2015 | Friedrich Cané & Giacomo Marighelli – Del movimento dei cieli
Link: https://www.facebook.com/cane.marighelli
https://www.facebook.com/lacantina.it
www.newmodellabel.com

Credit_Martina Rubbi 1_smll

Nu. – Circles – l’album da oggi in tutti gli store digitali

Filippo Infante aka Nu, classe 1982, nasce a Livorno circondato da film, libri e musica. Ancor prima del sesso, scopre il piacere di scrivere e cantare a squarciagola. Crescendo, si cimenta nel campo della poesia e dei racconti brevi, sperimenta la narrativa per l’infanzia, si diletta in giornalismo e critica musicale. Tutto questo senza mai abbandonare la sua passione più profonda: la musica. Nel 2005 si unisce alla sua prima band, Lip Colour Revolution con i quali si esibisce su uno dei prestigiosi palchi dello Sziget Festival (Budapest). Con loro pubblicherà tre dischi.
Successivamente prende parte al progetto Vision of Johanna come tastierista, accompagnando il gruppo fino all’uscita del loro primo album “Lococulisti o maglione” (Toten Schwan-Inconsapevole Records, 2013).
Durante il 2014 comprende quanto feconda di idee sia la solitudine e così, tutto solo, compone il suo primo disco, “Circles” sotto lo pseudonimo Nu. L’album è un vero e proprio mix di tutte le influenze musicali che hanno contribuito
alla sua crescita artistica.

1 2 3 14
New Model Label Via Buonporto, 11 - 44121 - Ferrara P.IVa 05892750968

Deluded By Lesbians – Felicità

Gasparazzo – Vito Il Pistolero

Friedrich Cané & Giacomo Marighelli – Del Movimento Dei Cieli

Le Mosche – Boa Viagem Capitão

CRNG – 542 Giorni

Nu. – Circles (album)

Giancarlo Frigieri – Troppo Tardi

Nu. – Circles (digital single)

Unmade Bed/ Lips Against The Glass – split

Pane – Dismissione

Corde e Martello – Corde e Martello (Pane: piano e voce)

Pane – Pane

Four Tramps – Webcam Girl

(re)offender – (re)offender

Luca Casali & The Roots Band – Time To Smile

Stratten con Sam Paglia – Dou Dou Dou Dan/Distratto Ma Però

Gasparazzo feat Massimo Tagliata – Mimi

Edoardo Chiesa – Canzoni Sull’Alternativa

Kisses From Mars – Flower For Myself

Kali – La Libido Del Lunedì

Cranchi – Non Canto Per Cantare

Four Tramps – Tramps & Thieves

Davide Solfrini – Luna Park

Davide Solfrini – Mi Piace Il Blues

Laik-Oh! – Dietro Il Mondo

Gasparazzo – Mo’ Mo’

Tamuna – Woodrock

Delsaceleste – Le Orme Dei Miei Passi

Tamuna – Ciuscia

Domenico Imperato – Postura Libera

3quietmen & Stefano Battaglia – Perla

3quietmen – Noir

3quietmen – Power

John Strada – Meticcio

Gasparazzo – Mo’ Mo’

Gray – Sessantanoveincerchio

Kaizer – L’Uomo in pausa (The Story)

Alex Bandini – Singnore e Signori Buonanotte

Giancarlo Frigieri – Distacco

Kisses From Mars – Not Yet

Party In A Forest – Ashes

Lips AgainstThe Glass – That Moment – Remixed -

Gasparazzo – Esiste Chi Resiste

Kozminski – Il Primo Giorno Sulla Terra

Davide Solfrini – Muda

Farmer Sea – Low Fidelity in Relationships

Rigotto – Tabù

Pivirama – Fantasy Lane

Giancarlo Frigieri – Togliamoci il pensiero

The Best Of DEMO – Vol 09 / 10

Alessandro Romeo – Tesi Di Redenzione

Stratten – Bologna ’67 ’77

Speedjackers – Enough Is Enough

Lisa Richards – Beating Of The Sun

Peppa Marriti Band – Rockarbëresh

Pane – Orsa Maggiore

Davide Tosches – Il Lento Disgelo

Coro Delle Mondine Di Bentivoglio

Banda Fratelli – Buongiorno disse il Metronotte

3quietmen – The Quiet Revolution

Strip In Midi Side – Non Ti Amo Più, Amore

Dainocova – Fuga da scuola

Cosimo Morleo – Geni Dominanti

Durden & The Catering – ll Nostro Quadro

Rigotto – Uomo Bianco

Vittorio Cane – Domingo

Image

Vittorio Cane – Palazzi

The Best of Demo – vol 07-08

Paolo Andreoni – Un Nome Che Sia Vento